barone_orizzontale
orizzontale_mandara
pluchino_orizzontale

Sabato sera una folla attenta e commossa di fedeli ha preso parte, all’interno della Chiesa Madre , alla caratteristica e attesa “A Cianata ro Patriarca”, un momento importante di ritrovo della comunità parrocchiale: la statua di San Giuseppe – di particolare manifattura, in legno cipresso, pesante quasi tre tonnellate, attribuita all’incisore palermitano Salvatore Bagnasco, attorno alla quale ruotano diverse leggende che raccontano del suo miracoloso ritrovamento –  è stata fatta rientrare dall’altare maggiore nella cappella della navata laterale della chiesa da dove era stata prelevata con cura lo scorso 11 marzo in occasione dell’approssimarsi dei solenni festeggiamenti per il Santo patrono. All’operazione immortalata attraverso un VIDEO (sopra in alto) appositamente realizzato e montato da Pippo Curiali, hanno preso parte numerosi uomini tra giovani e meno giovani e la banda musicale “Risveglio Bandistico Kamarinense” diretta con maestria da Giuseppe Zisa, che ha eseguito l’inno al patriarca.

image_pdfimage_print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

San Giuseppe Artigiano, allestite cinque Cene in occasione del 1° Maggio

Anche quest’anno, in occasione della festività del Primo Maggio, Santa Croce omaggia…