biancadinavarra
2184x268micieli
onoranzescillieri
attualmobili1350

Sfida all’ultimo hashtag: la campagna elettorale si gioca sui social, ma…

1 179

Social, video messaggi, conferenze stampa e iniziative varie: siamo in piena campagna elettorale. La presentazione di Schembari e Barone, dopo l’ufficializzazione di Di Bari (illo tempore) ha dato il via alla battaglia per le prossime Amministrative. Ancora non si conosce la data – né il numero dei partecipanti – ma la competizione è già nel vivo. Sarà una campagna elettorale nuova rispetto a quelle del passato, contraddistinta da un uso smodato (a volte piacevole) dei social network, dove i tre candidati hanno già inaugurato le proprie pagine Facebook. Un modo per catturare l’attenzione e tornare giovani, laddove la comunicazione dal basso (che trasforma tutti in “citizens journalists” e annienta le classiche forme del giornalismo) diventa il principale strumento per imporsi. Anche se, in una cittadina come Santa Croce, il vecchio “porta a porta” farà tutta la differenza di questo mondo. Il brulichio in piazza è già sfrenato. I toni si mantengono equilibrati: niente attacchi alla persona, solo il riverbero di qualche piccola menzogna per conquistare la fiducia dell’interlocutore. Mancano i colpi bassi e la cosa non dispiace.

LA CONTA DEI CANDIDATI – Rimarranno tre o ce ne saranno degli altri? Bella domanda. I papabili candidati, oltre a quelli di cui si è data menzione, sono Mario Coco e Rosario Pluchino. Il primo ha avviato le sue consultazioni con la società civile da qualche tempo, ma non ha sciolto la riserva sulla sua presenza da leader di coalizione o da “socio” di minoranza. Pluchino, indicato “ufficialmente” come candidato una settimana fa da una fonte giornalistica, ha ridotto la portata dei rumors: “Conclusione affrettata. Stiamo lavorando e non è detto che andremo da soli”. A meno di colpi di scena, i candidati saranno tre, quattro o al massimo cinque. Ci sarà un forte spacchettamento di voti: vuoi per le idee, vuoi per le influenze familiari, vuoi per chi sceglierà ancora una volta di cavalcare la protesta.

VIDEO E SOCIAL – Ma il buon vecchio comunicato stampa che fine ha fatto? A parte Coco, che ne ha utilizzato in dosi massicce per promuovere il suo contatto con le categorie, gli altri restano a guardare. Il video di Barone sulla sagra delle fragole ha raccolto in rete oltre 3mila visualizzazioni. Di Bari, attivissimo su Facebook, sforna post a ripetizione per fissare i punti del suo programma. Schembari, poco avvezzo all’uso della tecnologia, si è messo in riga. Sia Barone che Schembari – però – hanno organizzato una conferenza stampa per presentarsi a giornalisti e simpatizzanti. Di Bari studia un evento che possa coinvolgere i cittadini.

SIMBOLI E HASHTAG – Di Bari non ha ancora prodotto (o, quanto meno, non l’ha ancora mostrato) il logo della lista civica che lo sosterrà. Schembari si è affidato al cigno, simbolo di Santa Croce, su sfondo blu, assieme all’hashtag #liberidiscegliere e alla scritta portentosa Schembari Sindaco. Barone ha preferito una tonalità meno accentuata di blu e un faro che illumina lo skyline di Santa Croce (che assieme al verbo “rivive” dà il nome alla lista). Per entrambi c’è un chiaro riferimento al tricolore e a quella fascia che sperano di indossare a giugno. Battaglia di stili, modi differenti di porsi. E poi, sullo sfondo, le solite polemiche (fini a se stesse): perché interessarsi al paese solo in campagna elettorale? Se non lo facessero neanche adesso – rispondiamo noi – sarebbe davvero una follia.

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche
1 Commento
  1. giuseppe mainenti dice

    candidati tutti amici e parenti, ottime persone , speriamo che chi dovesse vincere riesca a portare a segno il proprio programma,innanzi tutto per il bene del nostro Paese.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.