Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

La nuova farmacia sorgerà a Casuzze, in contrada Finaiti. Lo ha deciso il Consiglio comunale al termine di un’accesa discussione. L’aula ha stabilito, per motivi di opportunità (fra cui la densità abitativa anche durante i mesi invernali), che la borgata di Casuzze è quella più adatta – anche in virtù della presenza di una Guardia Medica – a ospitare il terzo presidio farmaceutico ricadente nel territorio di Santa Croce Camerina. Il sindaco Franca Iurato, presentando il punto 5) all’ordine del giorno, aveva spiegato di aver inoltrato un atto di indirizzo all’Ufficio tecnico affinché, sulla base delle evidenze in suo possesso, indicasse tre siti in cui allocare la struttura. L’ufficio, dopo un’analisi approfondita, aveva individuato un’area A (centro urbano di Santa Croce Camerina, zona Despar), un’area B (Punta Secca, zona Palmento/Rione della Musica) e un’area C (Casuzze, Finaiti). La commissione – composta da Asp e Ordine dei Farmacisti – convocata qualche giorno fa non si era espressa in modo univoco. E Il Consiglio ci ha messo un po’ a decidere.

IL DIBATTITO E LA VOTAZIONE – Sulla scelta di Casuzze ha deciso di convergere da subito la maggioranza: “Dobbiamo dare un segnale ai “casuzzari” – spiegava Matteo Bellassai nel suo intervento – che troppe volte hanno visto calpestare i propri diritti”. Contrario il consigliere Salvuccio Mandarà, che durante la dichiarazione di voto ha annunciato la sua “contrarietà perché il provvedimento non fa gli interessi dei cittadini di Santa Croce”. Anche Pluchino e Di Marco si sono allineati al Casuzze-pensiero, mentre il gruppo “Noi ci crediamo” – che proponeva di predisporre la nuova sede in un’area intermedia, fra Caucana e Punta Secca – è parso inizialmente dubbioso. Alla prima votazione su Casuzze, infatti, andava registrato il ‘no’ del presidente Portelli e l’astensione di Luca Agnello. Quando l’area C sopravanzava le altre, però, i due sono rientrati nei ranghi e hanno dato l’ok: la proposta finale, quindi, è passata con 12 voti favorevoli e 1 contrario. Assenti Fidone e Occhipinti

Prima Votazione
Santa Croce – 2 favorevoli, 11 contrari
Punta Secca – 5 favorevoli, 8 contrari
Casuzze – 9 favorevoli, 3 contrari e 1 astenuto

Seconda votazione
Casuzze – 12 favorevoli, 1 contrario

CIMITERO E CONCESSIONI EDILIZIE – Il Consiglio, invece, si è espresso all’unanimità sulle modifiche al regolamento comunale di Polizia Mortuaria, che prevede una proroga ai termini di concessione edilizia per la realizzazione di tombe, cappelle e monumenti funerari. “Vista la difficoltà delle famiglie – aveva annunciato l’assessore Aprile – vogliamo inserire un comma all’articolo 58 del regolamento, grazie al quale proroghiamo di due anni i termini di presentazione dei progetti e di tre anni i termini per la loro realizzazione, in cambio di piccole e simboliche penali: il 20% per le concessioni rilasciate prima del 2006, il 10% per quelle rilasciate dopo”. Anche il gruppo #DiventeràBellissima ha votato favorevolmente: “Un plauso all’Amministrazione per questa scelta – ha spiegato Rosario Pluchino –. Certamente avremmo preferito una rivisitazione più ampia del regolamento, ma i tempi sono stretti. Se ne parlerà nella prossima legislatura”.

CASO MEDIALE – Il punto 4) – Relazione di rendiconto di gestione 2015 del servizio idrico integrato da parte della Mediale srl. Presa d’atto e autorizzazione per l’applicazione dei conguagli 2012-13 – è stato invece ritirato dall’Amministrazione. “Lo avevamo già fatto, non capisco perché il presidente Portelli abbia voluto inserirlo comunque all’ordine del giorno” ha esordito il sindaco. E’ nata una discussione sull’opportunità di trattare e discutere comunque la questione. L’assessore Allù – che ancora una volta ha battibeccato con il consigliere Pernice – ha illustrato i motivi per cui il punto era stato ritirato, Portelli ha replicato con una considerazione più politica e meno tecnica: “La questione Mediale è stata una bandiera nella campagna elettorale de “Il Paese che Vogliamo”, ma non ho visto un intervento in cinque anni. Adesso si avvicinano le elezioni e nessuno vuole mettere le mani nella marmellata”. Agnello ha rincarato la dose: “Quella di ritirare il punto mi pare una forzatura politica e temo possa avere ripercussioni economiche negli anni a venire, soprattutto per chi si troverà ad amministrare questo paese”.

image_pdfimage_print

2 Commenti

  1. Antonio Baeli

    29 marzo 2017 a 10:20

    E come volevasi dimostrare ancora una volta sono i cittadini a pagare

    Rispondi

  2. Salvuccio Mandarà

    30 marzo 2017 a 22:32

    RIFLESSIONI A VOCE ALTA DEL CARABINIERE CONSIGLIERE MANDARA’ SALVATORE
    INFORMAZIONI DI SERVIZIO PER LE PROSSIME ELEZIONI COMUNALI.
    Come è noto, giorno 28 marzo ultimo scorso, il Consiglio Comunale ha deliberato per l’individuazione del sito idoneo per l’apertura della terza farmacia nel territorio comunale. Tutti i Consiglieri, sia quelli di maggioranza, sia quelli di opposizione, hanno votato per il sito di Punta Secca una parte e la maggioranza per quello di Casuzze. Gli unici che hanno votato per il sito di Santa Croce Camerina siamo stati io e la Consigliera Agosta, ma la seconda votazione ha riportato 12 voti a favore di Casuzze e solo il mio contrario.
    Premesso quanto sopra, invito i cittadini di Santa Croce Camerina a mandare a cac…… a Casuzze tutti i consiglieri uscenti che si presenteranno alle prossime elezioni comunali. Io continuerò a fare i miei bisogni a Santa Croce Camerina che è il paese che io AMO.
    P.S. Auspico che l’Amministrazione ed il Consiglio Comunale scaturente dalle prossime elezioni, si adoperino in tutte le sedi competenti affinchè la terza farmacia sia COMUNALE.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Anziana scippata dopo aver fatto la spesa: è di nuovo emergenza sicurezza

Una signora di circa 70 anni, questa mattina, è stata scippata dopo aver fatto la spesa. S…