Gli agricoltori di Santa Croce Camerina adottano un monumento. Pubblico e privato, in sinergia, per la valorizzazione del ricco patrimonio storico e archeologico del territorio camarinense. Un progetto a costo zero per le casse del comune che potrebbe utilizzare, previo protocollo d’intesa con la Soprintendenza, cittadini volontari per la pulizia dei siti e delle fortificazioni – vedi bunker e casematte – che insistono in tutto il territorio. “Questa è la politica del fare  – spiega il candidato sindaco Rosario Pluchino- Gli agricoltori diventano parte attiva in un progetto di valorizzazione del nostro meraviglioso territorio. Si potrebbe utilizzare un sistema semplice ma di grande impatto. La pulizia di un sito e la sponsorizzazione dell’azienda che lo ho adottato. Troppo spesso, vedi il sito di Mezzagnone, il parco archeologico di Kaukana e le fortificazioni, sono in completo stato di abbandono. Vogliamo ripartire con la politica del fare… e non per fare politica”.

image_pdfimage_print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Barone, c’è la squadra: nominati gli assessori, Giavatto è il vice-sindaco

L’insediamento della nuova Giunta Municipale è avvenuto stamattina, nell’aula consiliare d…