Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Nella mattinata del 15/04/2017, in Chiaramonte Gulfi (RG), i Carabinieri della Stazione del luogo, della Stazione di Comiso e del Nucleo Radiomobile di Vittoria, nel corso di servizi di controllo del territorio rafforzati disposti dal Comando Provinciale di Ragusa in concomitanza con le festività pasquali, hanno tratto in arresto per rapina aggravata in concorso S.G., pregiudicato comisano di ventisette anni, C.K., ventitreenne bracciante agricolo vittoriese gravato da alcuni precedenti di polizia, e C.L., una donna incensurata di venticinquenne residente a Vittoria (incensurata), intercettati dai militari dell’Arma quando avevano appena rapinato l’ufficio postale di Corso Umberto n.63. Erano da poco trascorse le 08.15 quando S.G., brandendo una pistola (poi rivelatasi “giocattolo”), calzando guanti in lattice ed indossando un passamontagna, ha fatto irruzione nell’ufficio postale minacciando gli impiegati ed intimando loro di consegnare il contenuto delle casse. Il malvivente, ottenuta l’esigua somma contante disponibile al momento (ha strappato solo 55 Euro, le casse erano ancora chiuse!), si è precipitato fuori dalla posta svestendo il mascheramento: la mossa non è sfuggita alla pattuglia dei Carabinieri che stava transitando proprio in quel momento, impegnata nella vigilanza degli obiettivi sensibili previsti dai piani antirapina dell’Arma. I militari hanno immediatamente bloccato il rapinatore e, avendo intuito la direzione di fuga da questi intrapresa, hanno fornito indicazioni ai colleghi dislocati nelle vie limitrofe i quali, battendo il centro storico, hanno bloccato i complici, che attendevano a bordo di una Renault Clio nera. Nel corso delle successive perquisizioni, i Carabinieri hanno sottoposto a sequestro il passamontagna, i guanti e la pistola, mentre la somma asportata è stata restituita all’istituto depredato. Al termine delle prescritte formalità, i due uomini sono stati rinchiusi nel carcere di Ragusa, ove permarranno ristretti a disposizione della competente autorità giudiziaria, mentre la donna, madre di una bimba piccola, è stata sottoposta agli arresti domiciliari. Sono in corso ulteriori investigazioni allo scopo di approfondire la posizione dei tre arrestati e di verificare se, eventualmente, abbiano compiuto reati analoghi in passato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Elezioni Regionali – L’onorevole Orazio Ragusa ha tenuto ieri a Ragusa una riunione programmatica

Entusiasmo, determinazione, risolutezza. E tanta, tanta passione. Sono le peculiarità dist…