barone_orizzontale
orizzontale_mandara
pluchino_orizzontale

Comincerà il prossimo 6 luglio, davanti la prima Corte d’assise d’appello di Catania, il processo di secondo grado contro la sentenza di condanna, emessa dal Gup di Ragusa, Andrea Reale, il 17 ottobre 2016, a 30 anni reclusione per Veronica Panarello per l’omicidio del figlio Loris, 8 anni, e per l’occultamento del cadavere. Il delitto avvenne il 29 novembre 2014 nella loro casa di Santa Croce Camerina. Il ricorso era stato depositato il 28 marzo scorso dal legale della donna, l’avvocato Francesco Villardita. Il penalista chiede “una nuova perizia psichiatrica”, di “riaprire l’istruttoria dibattimentale” per “effettuare il confronto tra lei e il suocero, Andrea Stival”. Nel “merito” chiede di “assolvere” la donna “per non avere commesso il fatto”, e in subordine di “ritenere la sussistenza del concorso anomalo” nell’omicidio, commesso da altri, di “riconoscere il vizio parziale di mente” e di “rideterminare la pena” anche “concedendo le attenuanti generiche” escluse dal Gup.

image_pdfimage_print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Quaranta chili di pesce nel cofano dell’auto rubata: denunciati due romeni

Durante un certosino servizio di controllo del territorio e dei mezzi in circolazione, nel…