2184x268micieli
Il Delfino
onoranzescillieri
attualmobili1350

Casuzze, è cominciata la demolizione del serbatoio di contrada Finaiti

0 119

E’ finalmente arrivato il momento del dunque. Dopo anni e anni di attesa, questa mattina hanno preso il via gli interventi di demolizione del serbatoio pensile sito in contrada Finaiti. A curare l’intervento l’impresa Cavallo Giovanni di Ragusa. Sul posto, assieme ai tecnici, il sindaco Franca Iurato e l’assessore Giansalvo Allù. “Se vogliamo – ha affermato il primo cittadino – lo possiamo considerare un momento di portata storica per la vita della nostra cittadina perché, nonostante le lamentele e il degrado che si era registrato nel corso del tempo, nessuno era stato in grado di intervenire. Noi ce l’abbiamo fatta dimostrando di avere particolarmente a cuore anche le sorti delle borgate. Anche perché questo è soltanto un atto propedeutico rispetto alla realizzazione di un altro importante passo da compiere”. E l’assessore Allù aggiunge: “Dobbiamo ringraziare quanti si sono spesi per la concretizzazione del traguardo. A cominciare dall’ufficio tecnico guidato dall’architetto Mariangela Mormina, dal rup Guadenzio Occhipinti oltre al geometra Filippo Barone, responsabile dell’ufficio contratti. E tutta la macchina burocratica del Comune di Santa Croce Camerina che è stata in grado di espletare al meglio le procedure in questione. Non solo sarà eliminato un disagio più volte segnalato dai residenti e dai villeggianti della frazione rivierasca di Santa Croce Camerina, stante la pericolosità del manufatto che, in più di una occasione, è stato messo in sicurezza, ma provvederemo, in un secondo tempo, a riqualificare l’intera area, a trasformarla in una piazza che potrà essere vissuta in maniera decorosa da tutti i residenti della zona e non solo”. Erano soprattutto i residenti della zona che non vedevano l’ora che potessero essere avviate le procedure per l’abbattimento del serbatoio. “Abbiamo appurato – prosegue ancora Allù – come, nonostante i tentativi di messa in sicurezza avviati nel tempo, la situazione non poteva essere definita tranquilla. Per cui la strada della demolizione era l’unica percorribile”. I tempi di demolizione, a meno di imprevisti, un paio di giorni. Nel fine settimana, dunque, il manufatto in questione dovrebbe rimanere soltanto un ricordo.

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.