2184x268micieli
onoranzescillieri
attualmobili1350

Consiglio comunale: Piero Mandarà nuovo presidente, Cognata il vice VIDEO

0 243

Piero Mandarà è il nuovo presidente del Consiglio comunale, Riccardo Cognata è il suo vice. Si è espressa così l’aula nel corso della prima seduta del civico consesso, andata in scena martedì sera e ripresa integralmente da Santa Croce Web. Dopo il giuramento dei consiglieri, che ha segnato il primo momento del nuovo corso, e aver sorvolato su eventuali cause di incompatibilità degli eletti (che di fatto non sono state ravvisate), si è passati all’elezione del presidente. Si è votato a scrutinio segreto, ma i giochi erano già fatti: la maggioranza, in modo compatto, ha votato Piero Mandarà, primo degli eletti al Consiglio comunale con 668 preferenze. Per l’ex assessore ai servizi sociali 8 voti. Le altre quattro schede sono state lasciate in bianco. “Ringrazio i colleghi della maggioranza per avermi investito di una carica così importante – ha esordito il nuovo presidente – e quelli dell’opposizione per il ruolo che rivestiranno nei prossimi cinque anni. Un’opposizione critica e costruttiva fa bene all’amministrazione e al paese. Io cercherò di ricoprire il nuovo incarico con umiltà, obiettività e trasparenza. Il Consiglio rappresenta la città, dovrà lavorare tanto e bene. Tutte le istanze che passeranno da quest’aula avranno la giusta considerazione”. Anche Riccardo Cognata, nella sua elezione da vice-presidente, ha ottenuto 8 voti (con 4 schede bianche). Antonella Galuppi sarà il capogruppo del gruppo #SantaCroceRivive, Luca Agnello il pari ruolo per la lista Schembari Sindaco. Anche il sindaco Giovanni Barone ha prestato giuramento: “La campagna elettorale è finita. Adesso si pensa al futuro del paese”. In fondo alla seduta è stata nominata anche la commissione elettorale (Zisa, Cappello e Gambino) e la commissione comunale per la formazione degli elenchi dei giudici popolari (Candiano e Zago).

Il primo appuntamento con il nuovo Consiglio comunale è volato via liscio, o quasi. Le uniche note polemiche – politicamente parlando – arrivano da Luca Agnello, che si è rammaricato per il fatto che Piero Mandarà avesse rassegnato le dimissioni da assessore designato nonostante la nomina in prima battuta e che due consiglieri – Giavatto e Santodonato – ricoprissero il doppio incarico (sono anche assessori). Mandarà ha spiegato che “l’ho fatto per motivi personali. E comunque mi spenderò in lungo e in largo per far funzionare il Consiglio”. Il consigliere Lucio Schembari, invece, ha contestato gli applausi e la disposizione del pubblico (l’aula era gremita oltre ogni capienza): “Invito il presidente a far rispettare le norme, questo non è un teatro”. Galuppi ha risposto per le rime: “Se vogliamo parlare di correttezza, invito tutti i colleghi dell’opposizione a mettere via i telefoni e a prestare attenzione durante le discussioni in aula, come stanno facendo i componenti del mio gruppo. E’ un segno di rispetto verso i cittadini”. Laconico Giavatto: “La città si è espressa, dovete farvene una ragione – ha spiegato ai membri dell’opposizione – Invito i colleghi della maggioranza a lavorare e non rispondere alle provocazioni”. RIVEDI L’INTERA SEDUTA SUL NOSTRO CANALE YOUTUBE

 

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.