Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Molto apprezzata da un pubblico di adulti ma anche di piccoli spettatori, l’esibizione della Compagnia “Carlo Magno” di Palermo che ha portato, venerdì primo settembre a Punta Secca, uno spettacolo dal titolo “Sikania ti cuntu e ti cantu”, patrocinata dal Libero Consorzio Comunale di Ragusa e dal comune di Santa Croce Camerina. Ideato e curato alla regia da Enzo Mancuso, discendente di una famosa famiglia di pupari, l’evento ha riproposto quanto di più culturale e folkloristico si racchiude nella nostra tradizione siciliana. Un connubio tra le gesta dei paladini di Carlo Magno e la narrazione del cantastorie, Paolo Zarcone, che ha illustrato e cantato, accompagnandosi alla chitarra, due famosissime storie della Sicilia del passato: “La barunissa di Carini” e “Colapisci “. Con la collaborazione di Giovanni Rappa, Enzo Mancuso ha fatto sorridere il pubblico con le battute dei “pupi” coinvolgendo i presenti in un tuffo nel passato, quando i “cunti” ed i “canti” erano l’unico mezzo di informazione attraverso il quale si tramandavano oralmente storie e vicende legate alla notte dei tempi. Un vero successo che ci ha fatto riscoprire le nostre origini e dimenticare per un po’ l’era tecnologica in cui viviamo, fatto salvo l’uso dei telefonini che molti hanno utilizzato solo per immortalare con foto e video questa bella serata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Ragusa Ibla, al Donnafugata una mostra sulle amanti di Rossini, Bellini e Verdi

Tre grandi teatri italiani “racchiusi” all’interno di uno dei teatri più piccoli al mondo …