Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Continua fuori dall’aula la polemica fra il gruppo di minoranza “Liberi di Scegliere” e il vice-sindaco Giovanni Giavatto, che siede anche in Consiglio comunale fra i banchi della maggioranza. Dopo le scintille con Luca Agnello, capogruppo d’opposizione, nel corso dell’ultima seduta della civica assise, la “battaglia” si è spostata qualche metro più a sud di palazzo di Città. In piazza Vittorio Emanuele, infatti, è comparso un cartello contro l’attuale vice-sindaco: “Breve storia triste. Giavatto dal palco lanciava fuoco e fiamme contro la Mediale. Adesso Giavatto in Consiglio comunale vota: sì all’aumento delle tariffe Mediale, no all’apertura dello sportello Mediale comunale. Fine storia triste. I cittadini ringraziano per tanti anni di bugie”. Il cartello, firmato dal gruppo “Liberi di scegliere” reca anche un hashtag (#fateveneunaragione) che trae spunto – evidentemente – da una frase di Giavatto che imputa all’opposizione di non aver mai mandato giù la sconfitta elettorale. La sfida va avanti. Il vicesindaco non è uno che si fa intimidire e la replica è immediata: “Giavatto una storia ce l’ha e ne è orgoglioso, perché è bella e può girare a testa alta. Piuttosto in dieci anni di sindacatura Schembari e in cinque anni di opposizione Agnello, dicano loro ai cittadini che c**** hanno fatto per risolvere il problema Mediale e i problemi dei cittadini. Il sì all’aumento delle tariffe della Mediale – spiega Giavatto – è un atto di saggezza e ragionevolezza per evitare di andare incontro a un contenzioso costosissimo e perdente per il Comune e i cittadini tutti. Per meglio chiarire si sappia che l’aumento è stato deciso dall’autorità garante nazionale. La nostra è stata semplicemente una presa d’atto di responsabilità. Responsabilità che nessuno ha mai preso perché come dei conigli si sono nascosti sempre e continuano a nascondersi. Abbiamo evitato di aggiungere debiti a debiti nelle casse comunali”.

In relazione allo sportello comunale – che è stato oggetto di interrogazione e risposta da parte del sindaco Giovanni Barone nel corso dell’ultima seduta del Consiglio – Giavatto spiega che “lo sportello di fatto è sempre stato aperto in Municipio e in strada, fin dal primo giorno in cui ci siamo insediati. Diverso è lo sportello presso gli uffici della Mediale che è stato chiuso senza che voi ridicoli e non credibili contestatori abbiate mai sollevato alcuna contestazione o protesta. Noi stiamo lavorando per fare in modo che la Mediale torni ad aprire lo sportello al servizio dei cittadini così com’era un tempo e a modificare il regolamento che sia a favore dei cittadini e non solo della Mediale. Noi stiamo cercando di mettere pezze su pezze sulle minch**** che voi ed altri avete fatto. Voi in quindici anni siete stati incollati alle poltrone e non avete fatto niente di niente per questa problematica. Oggi pretendete di giudicare noi che da soli tre mesi siamo intenti a levare la colla da quelle poltrone in cui eravate appiccicati. Mettetevi l’animo in pace: fra cinque anni i cittadini sapranno giudicare”. Infine la chiosa: “Abbiate il coraggio di sottoscrivere chi siete o chi sei… Ecco perché la mia storia è bella, mentre la vostra è misera e triste e non vi resta altro che nascondervi”.

IL CARTELLO CONTRO GIAVATTO

Un Commento

  1. rosalia

    4 settembre 2017 a 12:43

    eh eh… proprio una bella pietra d’inciampo questo vicesindaco! e … causa d’infelicità per molti!
    FORZA GIAVATTO! prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono, poi VINCI.
    Buon lavoro! La costanza nel tuo impegno sarà la migliore risposta.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Trenta grammi di hashish suddivisi in stecche: arrestato 32enne a Santa Croce

Servizio a largo raggio di controllo del territorio da parte dei militari della Compagnia …