Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

“Tra Como e Massagno ho trovato la mia dimensione. Faccio sostegno a scuola, alleno una formazione Under 20 (la Comense, ndr) e da un paio d’anni sono assistant coach nel Canton Ticino. Nostalgia della Sicilia? Qui mi sento realizzato”. Salvatore Cabibbo è a Ragusa. Solo di passaggio. Assieme al Basket Massagno, la sua nuova squadra, sta partecipando al terzo Memorial Matteo Ancione con Agrigento e Trapani, due formazioni che militano nella serie A2 di basket. A Totò, in Svizzera, va persino meglio. Da giugno, infatti, è il vice di Robbi Gubitosa in Serie A. Massagno è un paesino di 6mila anime, a un quarto d’ora da Lugano. La stessa Lugano dove Cabibbo, nel maggio scorso, sfiorò la finale scudetto coi Tigers: “Abbiamo perso gara-4 di semifinale, in casa, a 2 secondi dalla sirena contro Monthey, che poi vincerà gara-5 e il titolo. E’ stata un’esperienza professionale molto proficua assieme a coach Nicola Brienza che mi ha voluto al suo fianco”. Brienza è diventato assistant coach di Di Carlo a Capo d’Orlando, Totò si è spostato un po’ più a nord e trasferisce nozioni di pallacanestro a un gruppo molto eterogeneo, con parecchi americani.

“Il campionato – ci spiega – comincerà domenica 1 ottobre in casa contro Losanna. Il nostro è uno dei budget più bassi di tutta la lega, ma vorremmo entrare nelle prime otto e disputare i playoff. Una cosa positiva è che in Svizzera non si retrocede”. Ce lo ricordiamo Cabibbo con indosso, per anni, la maglia della Vigor Santa Croce. Un allenatore in campo, un playmaker “operaio”, ammirevole per sacrificio e lettura della partita. Ha lasciato la Sicilia nel 2012 per motivi di lavoro: “I primi sei mesi a Cantù ho insegnato Educazione Fisica, ma non ho più rimesso piede sul parquet. Grazie a Gianni Lambruschi (ex allenatore di Virtus Ragusa e Passalacqua, ndr) sono riuscito a inserirmi in una squadra di Como. Ci sono rimasto per quattro anni fino alla chiamata in Svizzera. Dopo l’anno positivo a Lugano, eccomi a Massagno. E’ una società con grande etica del lavoro, con bravi allenatori che negli anni sono riusciti a tirare su parecchi giovani. Se ci troviamo in Serie A è proprio merito dei giovani”. Ma quanto vale una Serie A svizzera rispetto all’Italia? “Il nostro è un livello un po’ più altino della “vostra” A2, anche perché possiamo schierare a referto quattro stranieri anziché due. Il basket elvetico, però, non lo conosco ancora abbastanza”.

Nella gara d’esordio nel Memorial, ieri contro Agrigento, è arrivata una sconfitta in volata contro Agrigento di Franco Ciani. Totò fino alla fine si è ribellato alla sconfitta, cercando di infondere ai suoi ragazzi la grinta necessaria: “Anche in panchina mi porto dietro lo spirito del giocatore, credo sia fondamentale”. Rientri difensivi, raddoppi sul palleggiatore, spaziature: è cambiata la prospettiva, ma Cabibbo è rimasto quello di sempre. La sua predisposizione al sacrificio, quella dote innata di dare l’esempio ai più giovani, lo rende inevitabilmente il compagno di squadra “perfetto”. Anche dalla panchina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Basket, grande evento per le Feste: arriva a S.Croce il “Flight Warriors Italy Tour”

Si terrà martedì 19 dicembre a Santa Croce Camerina, presso il palazzetto comunale Santa R…