Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Il CS Kamarina si sblocca e dopo due sconfitte e un pari in coppa, ottiene la prima vittoria stagionale in campionato. Una gara dai mille volti quella del Kamarina, che porta la firma di Giulio Trovato e Andrea Giudice, bravi a dettare la rimonta in avvio di secondo tempo – quando il Città di Oliveri sembrava aver messo i lucchetti alla partita – e resistere nel finale al ritorno degli ospiti. Il Kamarina parte bene, ma poi si scopre “tenero” e commette qualche incertezza che consente a Bruno di operare il primo sorpasso della partita, con una punizione malefica che si infila sotto le gambe di Di Quattro. All’intervallo il Città di Oliveri è avanti. In avvio di ripresa il Kamarina rischia il de profundis: Taccia viene espulso per doppia ammonizione e Bruno fa volare i suoi sul 3-1. Il CS reagisce subito con la marcatura di Giudice, poi approfitta dell’espulsione di Italiano, portiere ospite, per impattare dal dischetto. Una superba conclusione di Trovato sancisce il sorpasso sul 4-3, poi è Alessandrà, nonostante una condizione ancora approssimativa, a trovare il gol del 5-3 che sembra mandare i titoli di coda. A quel punto si sommano le distrazioni e il Città di Oliveri torna clamorosamente in partite con i gol di Maisano e Tuccinardi, che agganciano il CS sul 5-5. Nel finale l’arbitro concede un altro rigore: Giudice è implacabile e regala agli uomini di Marino il primo (e meritato) hurrà stagionale.

LA VISITA AL COMUNE

Sabato mattina la squadra e la dirigenza si erano recati a palazzo di città per un incontro con il sindaco Giovanni Barone e il presidente del Consiglio Piero Mandarà. Era presente anche il consigliere comunale con delega allo Sport, Riccardo Cognata. Il presidente della società Concetto Salone ha rimarcato i valori dell’impegno del CS Kamarina: “Siamo la squadra siciliana con più vissuto alle spalle, avendo compiuto da poco 21 anni di attività. Abbiamo anche altri obiettivi oltre allo sport: vogliamo tornare a sviluppare le relazioni sociali in giro per la Sicilia, essere un veicolo di promozione per il territorio e un motivo di vanto per il nostro Comune. Vogliamo portare in alto la bandiera di questa città, e non solo per i risultati ottenuti sul campo. Spero che questo impegno venga riconosciuto da parte degli amministratori”. Il sindaco Barone e il presidente Mandarà hanno salutato con affetto la squadra: “Siamo al vostro fianco per ogni tipo di esigenza. A voi un grande in bocca al lupo per una stagione che si preannuncia impegnativa”. Riccardo Cognata ha tirato fuori un po’ di amarcord: “Ho passato al CS tanti anni da dirigente, è stato un periodo fantastico. La forza di questa società è saper costruire ogni volta un giusto mix fra giovani e senatori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Real Boys, sfilano al Kennedy i baby-calciatori di 6 e 7 anni: lo sport è festa

Nel giorno della festa dell’Immacolata, allo stadio comunale di Santa Croce la Madonna è s…