Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Il CS Kamarina si attiene rigorosamente al piano partita – inteso come “vincere a ogni costo” – e torna a respirare un’aria di buona classifica. Gli uomini di Peppe Marino (che oggi ha seguito la squadra dalla tribuna per una squalifica), hanno superato per 2-1 il Villasmundo. E con questa vittoria salgono a quota 13 in graduatoria. Non è stato facile battere la paura, oltre che gli avversari. Nel primo tempo il Kamarina è quasi bloccato: non potrebbe essere diversamente date le tre sconfitte di fila che si porta sul groppone. Le uniche occasioni capitano ad Alessandrà e Giudice, che però non riescono a sfondare la resistenza ospite. Di Quattro con un paio di interventi provvidenziali evita guai nella metà campo difensiva. In avvio di secondo tempo Gulino trova il pertugio e sblocca il risultato dopo una pregevole combinazione con Alessandrà. E’ solo il 2’ e le sofferenze non sono terminate. L’Inter Club Villamundo ha un paio di occasioni clamorose per pareggiare, ma Urso e Di Carpo falliscono in modo sciagurato da due passi. Il Kamarina si distende e Alessandrà imbuca il 2-0. Con una prestazione solida, per nulla trascendentale, la formazione di casa mette a sicuro il risultato. Anche se al 20’ il brivido si materializza: Di Carpo la riapre appoggiando da pochi passi il 2-1. Solo i due minuti di recupero sono palpitanti, ma il fortino regge e il Kamarina può finalmente esultare dopo oltre un mese e mezzo. Se sia stata una vittoria “scacciacrisi” lo diranno le prossime partite: sabato si va sul campo de La Madonnina a Catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Appalti più facili, Santa Croce ha la sua C.U.C.: sancito l’ingresso in Trinakria Sud

Ricordate la C.U.C.? Lo strano acronimo sta per Centrale Unica di Committenza, uno strumen…