Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Dopo alcuni momenti di pausa, la Pro Loco di Santa Croce Camerina riprende il suo ruolo di promozione e valorizzazione del territorio. Si è tenuta, nel mese scorso, l’assemblea dei soci presso la Biblioteca Comunale di Santa Croce Camerina. In tal occasione il Presidente Salvatore Mandarà ha esposto una precisa e puntuale relazione in merito alle attività svolte, da codesta associazione, negli anni precedenti. In un secondo momento sono stati palesati i nomi dei soci che si sono candidati al Consiglio Direttivo e, ricevendo il consenso di tutti i presenti in sala, il Presidente ha augurato buon lavoro al nuovo Direttivo.

Il Direttivo, insediatosi nei giorni seguenti, mediante una votazione segreta, ha eletto i componenti dell’esecutivo così composto: Pino Zisa, Presidente; Gianni Giacchi, Vice Presidente; Anna Rita Crucetta, tesoriere; Stefania Barone, segretaria; Calogero Termini, Raffaele Agnello e Cornelia Nicola, consiglieri; Salvatore Mandarà, presidente Onorario. “L’obiettivo della Pro Loco sarà quello promuovere e valorizzare il territorio santacrocese – dice il presidente Zisa – questa promozione riguarderà diversi settori come il turismo, gli eventi a carattere sociale, culturale, musicale e sportivo. Si occuperà di tutte le peculiarità che contraddistinguono il nostro territorio sotto l’aspetto turistico e culturale. Promuoverà diverse tipologie di iniziative e realizzerà manifestazioni che valorizzino e facciano conoscere il paesaggio, la realtà urbana e quella ambientale del nostro paese”.

“Ma i compiti non si fermano qui. Infatti, la Pro Loco accoglierà tutti i turisti che vorranno visitare i nostri amati luoghi e si occuperà di informarli in merito alle diverse soluzioni pensate per loro. Svolgerà anche intense attività volte a sensibilizzare il più possibile la comunità verso tutto ciò che riguarda l’economia turistica. Salvaguardare il patrimonio storico e artistico di Santa Croce Camerina è un importante compito delle Pro Loco, che in questa, come in altre attività, cercherà il sostegno sia del Comune sia di altri enti o associazioni. Dal ricorrere della parola “turismo” e dalla sua stretta associazione con la parola “Pro Loco”, si intuisce come, una buona Pro Loco sia importantissima per ogni paese, anche il più piccolo, in modo che il suo patrimonio venga sempre più valorizzato e il proprio territorio sempre più conosciuto e apprezzato, prima a livello locale, e poi, chissà, anche a livello nazionale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Sant’Antonio Abate: una tradizione pura e “rurale”. Stasera le luminarie

I festeggiamenti per l’annuale ricorrenza di Sant’Antonio Abate ci inducono ad…