2184x268micieli
onoranzescillieri
attualmobili1350

Pusher a P.Braccetto: quattro condanne e un’assoluzione per i fatti del 2015

0 273

Meglio tardi che mai. A oltre due anni e mezzo dai fatti, quattro tunisini sono stati condannati per spaccio di stupefacenti sulla spiaggia di Punta Braccetto. I fatti risalgono al 29 agosto 2015: durante una bella giornata di sole, gli uomini della Squadra Mobile di Ragusa si erano finti semplici bagnanti e avevano incastrato i pusher. Il capo della banda aveva nascosto i proventi dello spaccio in un anfratto della scogliera di Rocca dei Tramonti e poteva contare sul supporto di alcune vedette, una delle quali in costume da bagno, per passare inosservato. Ieri il giudice Filippo Morello ha condannato Oualid Chaaraoui e Marmouri Sofien a 8 mesi di reclusione; Fethi Khabthani e Abdelwaheb Guesmi a 2 anni e 8 mesi. Il viceprocuratore Concetta Vindigni aveva chiesto per tutti una pena di un anno e sei mesi. Solo il 43enne Nohsen Ziroud è stato assolto per non aver commesso il fatto. Il giudice altresì ha ritenuto non opportuno applicare la sospensione della pena dato che i soggetti potrebbero delinquere ancora. All’epoca fu sequestrata anche della droga, per cui è stata disposta la distruzione. Nell’agosto 2015 erano state segnalate anche sette persone per aver acquistato la droga. Fra di loro alcuni minorenni.

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.