attualmobili1350
Luana Centro Estetico
micieli22184x268
Il Delfino

Via Solferino o via dei Bivacchi? Il sindaco: “Pronta la nuova ordinanza”

Cocci di vetro, lattine abbandonate e schiamazzi: ecco come si presenta via Solferino

0 770

La situazione è insostenibile e va avanti da… sempre. Anche oggi via Solferino si è svegliata sepolta dai rifiuti. Cocci di vetro, bottiglie e lattine di vetro abbandonate ai bordi dei marciapiedi e sull’uscio di una casa vuota. Un video su Facebook è già diventato virale. Siamo a pochi passi dal centro e a un centinaio di metri, in linea d’aria, dalla caserma dei carabinieri. Il senso di squallore e degrado pervade l’aria e “acceca” anche i cittadini più avveduti: “Bisogna fare qualcosa”. I pomeriggi si somigliano tutti: gruppetti di stranieri, dopo aver fatto rifornimento di birre, si appostano nella stradina, a pochi passi da piazza Vittorio Emanuele. Lo “spettacolo” comincia tutti i giorni (o quasi) alle 17.

Sembra periferia ma non lo è. Raccontano del timore di far uscire moglie o figli da casa. Dopo l’alcol partono gli schiamazzi che si consumano fino a tarda sera. Il rischio è quello di farci l’abitudine. Servono controlli più severi, un provvedimento per vietare i bivacchi. Il sindaco Giovanni Barone lo aveva annunciato in campagna elettorale, poi durante l’ultima seduta del Consiglio ha dovuto parzialmente correggere il tiro: “Talvolta si rischia di ledere anche la libertà individuale, quindi occorre attenzione – aveva dichiarato il primo cittadino allargando le braccia -. Chiederemo alle forze dell’ordine di incrementare i controlli. Sui bivacchi esiste già un’ordinanza risalente al sindaco Schembari: va rivista, ampliata e soprattutto applicata”.

Gli abitanti di via Solferino e dintorni ne hanno le scatole piene. Non osano puntare il dito contro qualcuno. Ma esigono chiarezza e tempismo. Gli aneddoti in quella zona si sprecano: dalle continue segnalazioni alle forze dell’ordine per denunciare risse e coltellate, passando per gli involucri carichi di stupefacenti e prudentemente nascosti nel vano che ospita l’impianto del metano o dell’acqua, “tanto sanno che la notte nessuno osa toccarli”. Tutti sanno tutto, ma gli organici sono ridotti all’osso e il prefetto lontano. Da qualche giorno si è insediata Filippina Cocuzza: “Anziché andare noi da lei, bisognerebbe portare lei qui a Santa Croce per mostrarle l’evidenza” ci dicono. Sono studi e hanno ragione. Sanno che i miracoli non esistono, ma sperano in un segnale.

IL SINDACO: “NUOVA ORDINANZA NEI PROSSIMI GIORNI”

Il caso bivacchi non si attenua e il sindaco di Santa Croce, ai microfoni di Santa Croce Web, annuncia provvedimenti: “Firmerò a breve la nuova ordinanza anti-bivacchi, che prevede misure più stringenti e maggiori controlli. E’ una rivisitazione del provvedimento che fu emanato a suo tempo dal sindaco Lucio Schembari. Lo schema di massima è già stato elaborato dal comando della polizia municipale, nei prossimi giorni entrerà in vigore”. Bivacchi e schiamazzi, dopo aver abbandonato temporaneamente via Caucana, non accennano a diminuire in altre zone del paese, come nei pressi della piazza Vittorio Emanuele II o della già citata via Solferino: “Già qualche settimana fa io e l’ex assessore Dimartino abbiamo partecipato a un blitz della polizia municipale, che si è concluso efficacemente con la rimozione di un bivacco – chiarisce il sindaco – Restiamo molto sensibili su questo tema e con l’approssimarsi di San Giuseppe e della stagione estiva abbiamo deciso di provvedere a una nuova ordinanza, che ha lo scopo di ripristinare il senso di sicurezza nella nostra comunità”.

Iscriviti alla nostra Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Iscriviti qui per ricevere le ultime notizie, aggiornamenti e offerte speciali direttamente nella tua casella di posta.
È possibile disdire in qualsiasi momento
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.