2184x268micieli
Il Delfino
onoranzescillieri
attualmobili1350

A Comiso incontro sui bullismi: cosa serve per “salvare” i nuovi adolescenti

L'incontro è stato organizzato dal Garante dell'Infanzia: presente anche il dottor Raffa

0 545

Domenica 11 marzo si è tenuto presso il Salone Parrocchiale della Chiesa dei Santi Apostoli di Comiso un incontro su una tematica di elevata attualità, “Adolescenza, Bullismo e Cyberbullismo: conoscere per prevenire”. L’evento, rivolto prevalentemente ai genitori, è stato promosso dal Garante dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza del Comune di Comiso e organizzato dalla Pastorale Familiare del Vicariato di Comiso. Dopo i saluti del referente della Pastorale Familiare, Gino Cardini, e del Garante dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, dr. Calogero Termini, ha preso la parola Tiziana La Mantia, esperta in Comunicazione e componente del Team del Garante, che ha illustrato in modo chiaro l’evoluzione dei sentimenti in età adolescenziale e la differenza che intercorre tra le emozioni e i sentimenti.

Subito dopo il dr. Giuseppe Raffa, Responsabile dell’ambulatorio antibullismo dell’ASP di Ragusa e Referente per il Sud Italia del Co.Na.Cy. (coordinamento nazionale cyberbullismo), è intervenuto illustrando i dati della sua indagine sulla vita online e sul cyberbullismo degli adolescenti iblei. “Il 46% delle femmine di terza media è collegato anche oltre le 5 ore al giorno, il 21,70% è addirittura dentro la rete per 7 ore al dì . E i maschi? Il 44, 21% del nostro campione è tecnodipendente. Numeri impressionanti. Da far tremare i polsi ad educatori, dirigenti scolastici e genitori. – ha detto il dr. Raffa – In famiglia i giovani imparano regole, divieti, limiti, norme. I genitori devono essere autorevoli e presenti.”

Quali strumenti possono utilizzare i genitori per evitare che i loro figli cadano nelle reti dei ‘lupi’ che si nascondono nella rete di internet? Walter Cavanna, esperto informatico e componente dell’Associazione ‘Attenti al lupo’, ha chiarito ai genitori presenti come comportarsi con i loro figli, ormai definiti quali appartenenti alla ‘generazione connessa’, per cercare di evitare il fenomeno del cyberbullismo (bullo o vittima). È seguita un’ampia discussione tra genitori e relatori e l’incontro si è chiuso con la volontà di continuare questo percorso formativo-informativo necessario per affrontare le problematiche dei ‘nuovi adolescenti’.

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.