2184x268micieli
onoranzescillieri
attualmobili1350

Prima notte al Comune per i produttori: “Da Musumeci vogliamo atti concreti”

Si sono alternati e hanno giocato a carte. Con loro anche il sindaco Barone

0 745

Hanno trascorso la notte nell’aula consiliare del Comune, dandosi i turni. Poca voglia di dormire, qualche sfida a carte per ammazzare il tempo. La promessa di una visita di Musumeci, che domattina sarà a Vittoria per le 10.30, non li ha fatti desistere dalle intenzioni. Hanno sentito i presidi di Vittoria e Pachino, tuttora attivi, e hanno scelto di andare avanti insieme. Gli agricoltori sono sul piede di guerra e non hanno alcuna voglia di mollare la preda. Il sindaco Giovanni Barone è rimasto con loro fino alle 2 del mattino. “Rimarremo qui anche oggi – ci fanno sapere – E l’arrivo di Musumeci deve essere un momento costruttivo e di proposta. Non ci servono parole di conforto ma atti concreti”.

Da Musumeci si aspettano azioni convincenti, o la protesta rischia di prolungarsi. Il crollo dei prezzi in questa campagna invernale non ha permesso alla maggior parte degli agricoltori di rientrare nei costi di produzione. La concorrenza sleale – sia a livello economico-finanziario che fito-sanitario – ha di fatto impedito la vendita dei prodotti a un prezzo congruo. Zucchine, cetrioli, pomodori e melanzane sono rimasti sulle piante. Talvolta sono stati “svenduti”, cancellando mesi di lavoro, oltre che la dignità.

PRESIDIO SOSPESO – Il sit-in degli agricoltori in Municipio, su indicazione del Comitato Anticrisi, è stato sospeso giovedì sera. Stessa situazione a Vittoria e Pachino. Il gruppo resta in attesa delle risposte del presidente Musumeci. Se non dovessero rivelarsi soddisfacenti, l’occupazione dell’aula consiliare potrebbe riprendere.

LA SOLIDARIETA’ DI PIAZZA – Ai produttori, nel frattempo, è arrivata la solidarietà del commissario straordinaria del Libero Consorzio Comunale di Ragusa (ex provincia), Salvatore Piazza: “Il crollo dei prezzi dei prodotti orticoli di questi giorni danneggia le aziende e mette in difficoltà migliaia di famiglie del Ragusano. Voglio manifestare loro tutta la mia vicinanza e adoperarmi perché il loro grido d’aiuto sia ascoltato dal Governo Regionale e nazionale. I problemi del settore sono tanti: da una filiera lunga che penalizza la commercializzazione ad alcuni accordi-capestri europei che vanno rivisitati. Ritengo sia necessario dare risposte a migliaia di lavoratori della fascia trasformata coinvolti in questa situazione di gravissima crisi. In questo momento di grande difficoltà per l’agricoltura iblea le istituzioni devono sapere “fare squadra” e non tirarsi indietro per individuare azioni concrete di sostegno per i produttori agricoli esasperati”.

Fonte LA PROTESTA DI MERCOLEDI

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.