biancadinavarra
2184x268micieli
onoranzescillieri
attualmobili1350

Scarti vegetali e insegne pubblicitarie: l’ultima frontiera dell’inciviltà fai da te

Cassonetti piegati e discariche non autorizzate: le scoperte di Fare Ambiente

0 554

Continua ad essere una abitudine quella di abbandonare sacchi stracolmi di materiale da imballaggio, contenitori di polistirolo, scarti vegetali, gomme di autoveicoli e persino materiale di risulta dentro alcuni cassonetti nelle borgate a mare e in particolare a Casuzze, dove i contenitori, seppur nuovi, per il peso degli scarti edili piegano le ruote. Ma anche nei cassonetti posti sulla sp 85 Santa Croce-Scoglitti, da alcune attività volontaristiche di monitoraggio, controllo e prevenzione di Fare Ambiente, si è rilevato che i rifiuti depositati dentro e fuori i contenitori arrivano da cittadini poco educati al rispetto dell’ambiente, che da Comiso e Vittoria – per comodità nel raggiungere i propri luoghi di lavoro – utilizzano il territorio santacrocese come discarica.

Così come per magia nelle contrade Grassullo, Timpaliscia-Muraglia e Petraro appaiono rifiuti ingombranti e insegne pubblicitarie di attività commerciali del ragusano. E’ reato l’abbandono incontrollato di rifiuti dicono da anni rappresentanti di Fare Ambiente di Santa Croce nel rispetto del D.Lgs 152 del 2006 e oggi con più forza lo dichiara il sindaco Giovanni Barone che ha iniziato una battaglia per la difesa del territorio, dell’ambiente, dell’igiene e della salubrità pubblica.

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.