biancadinavarra
2184x268micieli
onoranzescillieri
attualmobili1350

Nelle campagne danni per decine di milioni: “E’ come il ciclone Athos”

Parla Guglielmo Occhipinti: "E' il colpo di grazia dopo una stagione devastante"

0 1.288

“Rispetto al 4 ottobre, stavolta al danno alle strutture si è unita la beffa della perdita delle produzioni. Tante aziende in ginocchio. Il Comune di Santa Croce si è già attivato. Con l’assessore all’agricoltura Robusti sono state avviate le procedure necessarie e già oggi la Giunta Municipale richiederà lo stato di calamità naturale. Siamo a disposizione per quanto altro in nostro potere, con i singoli produttori e con le associazioni di categoria”. Il sindaco Giovanni Barone analizza a caldo, attraverso i social, l’ultimo dramma vissuto dai produttori agricoli di Santa Croce e della fascia trasformata. La furia del vento, che ha toccato picchi di 75 km/h nella giornata di sabato, ha provocato una devastazione nelle campagne.

I danni vengono quantificati in decine di milioni di euro. La plastica è stata divelta, le strutture piegate in due, le produzioni annientate. O “bruciate” nel vero senso della parola, come ci spiega Guglielmo Occhipinti, imprenditorie agricolo da 40 anni e non nuovo alle emergenze: “Quando i teli di plastica vengono rimossi dalle serre, la produzione rimane sprovvista e si brucia. Per riprenderne, almeno una minima parte, se ne riparla tra venti giorni o un mese, quando spuntano i nuovi germogli. Ma se non riusciamo a vendere la merce a marzo o aprile, figuriamoci a luglio”.

I danni nelle serre/2 from Santa Croce Web on Vimeo.

La rabbia fa spazio alla rassegnazione. La campagna agraria è stata un disastro a causa della crisi dei prezzi, ormai acclarata. Questo è il colpo di grazia: “Stiamo parlando di danni enormi, paragonabili a quelli causati dal ciclone Athos del 2012. In quel caso, forse, il fenomeno era stato più circoscritto. La bufera di vento di sabato scorso, invece, è a largo spettro – spiega Occhipinti – Molti di noi hanno perso il raccolto e vedono le proprie strutture danneggiate. E’ vero che facendo questo lavoro ci assumiamo dei rischi. Ma qui non si torna più indietro. Da un po’ di tempo a questa parte gli eventi calamitosi si ripetono. Veniamo da un’annata in cui pochi sono rimasti in piedi… questo è il colpo del k.o.”. Le assicurazioni dovrebbero coprire parte delle perdite, ma come spiega Occhipinti “oggi i produttori tendono a risparmiare un po’ su tutto, perché non sappiamo dove trovare i soldi. La situazione è brutta. Le zone più colpite sono state Marina di Ragusa, Donnalucata, Santa Croce. In modo particolare alcune contrade come la Menta… Anche io ho avuto danni ingenti”.

La rassegnazione è dettata anche dall’immobilismo della politica – esclusi i tavoli di crisi – e dallo scarso peso in termini di informazione che questi eventi portano con sé: “A livello nazionale, nei tg, nessuno si accorge di noi. Veniamo puntualmente ignorati e questa è una cosa che fa molto male. Esistono anche le associazioni di categoria. La Coldiretti prova a fare la sua parte e giocare la sua partita – a dispetto di altre che è come se non esistessero – ma questo non basta a raggiungere il risultato sperato. Gli avversari rimangono più forti. Veniamo continuamente illusi e presi in giro da chi dice di proteggerci e starci vicino. Molti di noi sono affondati e anche i pochi superstiti, se la politica continuerà a perdere tempo, rischia di fare la stessa fine”.

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.