biancadinavarra
2184x268micieli
onoranzescillieri
attualmobili1350

A Vittoria vertice fra istituzioni locali: “Problema agricoltura approdi a Roma”

Il sindaco di Vittoria ha ricevuto sindaci e presidenti del Consiglio

0 386

Sindaci e presidenti del Consiglio a rapporto per dare risposte agli agricoltori in crisi. Ieri pomeriggio, il primo cittadino di Vittoria Giovanni Moscato ha convocato a palazzo Iacono numerosi rappresentanti istituzionali. All’incontro, a cui hanno partecipato anche i componenti del Comitato Anticrisi Agricoltura, c’erano anche il sindaco di Santa Croce Camerina, Giovanni Barone, e il presidente del Consiglio comunale, Piero Mandarà. Poi i rappresentanti di numerose città siciliane della Sicilia orientale: Monterosso Almo, Chiaramonte Gulfi, Pozzallo, Avola, Niscemi, Canicattì. “Il sostegno al comparto agricolo – ha dichiarato Moscato – deve tornare nell’agenda del governo nazionale, bisogna ridiscutere i trattati europei che hanno penalizzato la nostra agricoltura. L’interlocuzione con la Regione ha prodotto i primi risultati: Musumeci ha anticipato che incontrerà il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, e il presidente dell’Inps, Tito Boeri, per la questione delle cartelle esattoriali”.

“Ma non ci si può fermare – ha aggiunto il sindaco di Vittoria – la battaglia deve arrivare a Roma. La nostra agricoltura dà lavoro ad oltre 100.000 unità: si tratta della più grossa industria del territorio e pretendiamo che questa crisi venga trattata come una vera e propria emergenza nazionale. Noi sindaci abbiamo il dovere di far giungere la voce dei produttori al governo nazionale, che deve assumersi le proprie responsabilità. Assieme ai produttori e ai colleghi sindaci abbiamo deciso di portare avanti alcune iniziative che comunicheremo a breve, appena saranno definite nel dettaglio. Noi sindaci avvertiamo la responsabilità di rappresentare e tutelare la nostra gente e, come abbiamo detto più volte, questa battaglia va condotta tutti assieme”.

Non è stato tenero il commento del sindaco di Santa Croce, Giovanni Barone, in merito all’impegno di Bruxelles per l’agricoltura e l’economia siciliana: “100.000 siciliani a rischio reddito di sopravvivenza, pomodorino a 40 centesimi, tonnellate e tonnellate di ortofrutta invenduta, migliaia di produttori “non bancabili”, case e aziende all’asta e altro… che ometto di menzionare. Eppure, qualcuno che scalda la sedia a Bruxelles, ha fatto sapere che non ricorrono le condizioni per dichiarare lo stato di crisi del mercato interno”. Non è esclusa una manifestazione a Roma per esternare la delusione e la rabbia che in questi mesi, e ormai da anni, pervadono chi vive di agricoltura.

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.