biancadinavarra
2184x268micieli
onoranzescillieri
attualmobili1350

Pozzallo – Rissa e resistenza a pubblico ufficiale: arrestati due tunisini in stato di ebbrezza

0 1.221

Le Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Ragusa, attivate tramite segnalazioni pervenute al numero di pubblica utilità “117”, hanno fermato e tratto in arresto due giovani tunisini, ritenuti pericolosi per la sicurezza pubblica. In particolare, nella notte tra venerdì e sabato, i finanzieri della Tenenza di Pozzallo, sotto il coordinamento della Sala Operativa di Ragusa, sono intervenuti presso il bar “LA SOSTA” di Pozzallo, dove due cittadini tunisini, poi identificati in M. M. classe ‘90 e M.G. classe ‘97, in evidente stato di ebrezza, stavano creando notevoli disordini all’interno del locale. Giunti sul posto, i militari hanno celermente individuato i due extracomunitari, i quali, brandeggiando un grosso coltello ed un bastone, erano anche riusciti a rubare alcune bottiglie di alcolici, minacciando il titolare e arrecando danni al locale.

I due, appena vista sopraggiungere la pattuglia della Guardia di Finanza, si sono dati alla fuga, tuttavia invano, in quanto, dopo un breve inseguimento, i finanzieri sono riusciti a fermarli e disarmarli, malgrado i tentativi di resistenza dei responsabili. Il magistrato di turno, all’uopo interessato, ha disposto l’arresto degli interessati e l’accompagnamento presso la Casa Circondariale di Ragusa, per essere posti a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Gli stessi dovranno rispondere dei reati di resistenza a pubblico ufficiale, rissa, furto, danneggiamento e porto abusivo di oggetti atti ad offendere. La Guardia di Finanza è sempre in prima linea, vicino a chi ha bisogno, per fornire il proprio aiuto nelle operazioni di soccorso e nelle situazioni critiche nelle quali è chiamata a intervenire.

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.