2184x268micieli
Il Delfino
onoranzescillieri
attualmobili1350

Essere in Europa non è come viverci: Kelly si è “perso” in Sicilia

La storia di un giovane nigeriano senza carta d'identità, ma con la sua identità personale

0 1.389

Sabato mattina. Molte famiglie vanno al supermercato per fare gli acquisti della settimana successiva. A Santa Croce Camerina, un piccolo paese in provincia di Ragusa, ci sono tre supermercati. Uno di questi è il supermercato Conad, postazione di lavoro per un nigeriano di 32 anni. Oggi per lui è una qualunque giornata di lavoro, come tutte le altre. Quando inizia la sua mattinata a Ragusa (a 20 km da Santa Croce), lui prende un autobus e senza mangiare soffici e croccanti croissant, inizia il suo orario di lavoro. Non ha né pausa caffè, né pranzo. Lavora in piedi per cinque ore, dalle 9 alle 14.

Il lavoro di Kelly differisce da tutti gli altri, perché non c’è uno stipendio fisso, nessuna garanzia di guadagno, nessun contratto, né sicurezza, né ulteriori opportunità di carriera. Lui si posiziona ad un angolo del supermercato, chiedendo soldi per restare a galla sulle onde della sua vita. Non è stata una sua scelta, prima che divenisse l’unica soluzione per sopravvivere in Italia. Guadagna circa 15 euro al giorno. Una parte del denaro la risparmia per pagare l’appartamento, 350 euro al mese, il resto lo usa per il cibo.

Kelly non ha alcun documento di riconoscimento. Aveva lavorato come muratore in passato, prima di approdare sulle sabbie dorate della costa siciliana. Per Kelly non fa differenza in quale settore lavorare. Lui stava crescendo in un ambiente dove gli era stato insegnato a farlo. “Se sei un uomo sano, con gambe e braccia, dovresti lavorare. Ma adesso non posso! “, – dice Kelly.

Ci sono anche altri stranieri, la cui visione contraddice l’atteggiamento di Kelly sul lavoro. Precias chiede l’elemosina ogni giorno vicino al supermercato Eurospin di Scicli. Molti dei suoi coinquilini, immigrati dalla Nigeria, dal Senegal, dal Mali che condividono la casa con lui a Cava d’Aliga (frazione di Scicli), sono impiegati nel settore agricolo. Ma Precias rifiuta ogni tentativo di essere aiutato con un normale lavoro.

Precias (foto di Tatiana Smorodina)

Storie differenti di immigrati che fanno riferimento a periodi di tempo diversi. La storia di Kelly inizia nel 2011, quando lui lasciata la Nigeria, il suo paese di origine, approdò in Libia senza documenti di riconoscimento. Fuggiva dalla Nigeria perché era perseguitato dal suo governo e dalla polizia di stato. Kelly non era un serial killer, non aveva rubato né soldi dalla banca né alcuna oggetto prezioso dalla casa di un politico. Lui è un omosessuale ed è stato perseguitato dalla polizia per i suoi rapporti di sodomia, per essere mandato in prigione.

“(…) Sono omosessuale. Non è stato facile ammetterlo perché i miei primi rapporti sessuali in Nigeria sono stati molto difficili e combattuti, inoltre nel mio Paese l’omosessualità non è mai stata tollerata. In Nigeria ho avuto rapporti con amici coetanei e con un signore grande che mi ha ospitato per sette mesi (…)”, disse lui in Questura a Ragusa.

La situazione e l’atteggiamento nei confronti degli omosessuali in Nigeria, quando Kelly fuggì, sono descritti nel rapporto dell’organizzazione non governativa Human Rights Watch: “This alien legacy: The origins of “Sodomy”, Laws in British Colonialism”. Secondo questo rapporto, circa 80 paesi nel mondo criminalizzano le relazioni di sodomia. “Queste leggi invadono la privacy e creano disuguaglianza. Promuovono la violenza e gli danno l’impunità. Consentono alla polizia e ad altri soggetti il potere di arrestare, ricattare e abusare. Spingono le persone nella clandestinità, a vivere nell’invisibilità e nella paura. I paesi africani hanno queste leggi, da quando erano colonie britanniche.” La Nigeria è uno di questi.

Essendo ricercato dalla polizia nella sua nativa Nigeria, Kelly fuggì in Libia, che gli propose un futuro stabile con diverse opportunità, ma poi in Libia scoppiò la guerra. Kelly non poté più restare né in Nigeria né in Libia, e partì per l’isola di Lampedusa. Da quel momento ha vissuto in Italia.

In Italia, la richiesta può essere presentata direttamente all’ufficio della Polizia di Frontiera non appena uno straniero arriva in Italia o all’ufficio immigrazione della Questura. Questo inoltra la richiesta all’ufficio della “Commissione Rifugiati e Richiedenti Asilo” che in Sicilia si trova a Siracusa, che è poi l’unico organo competente a prendere una decisione in merito allo status di straniero in Italia. Nel 2012 Kelly ha fatto la sua prima richiesta per la protezione internazionale nella Questura di Caltanissetta. Nell’ottobre 2013 la “Commissione Rifugiati e Richiedenti Asilo” respinse la richiesta. Quando questa commissione invia un rifiuto alla concessione di protezione internazionale, lo straniero deve lasciare il Paese ospitante e tornare al suo Paese.

Con l’assistenza dell’avvocato, Kelly ha ricevuto un permesso di soggiorno limitato per un periodo di 6 mesi nel 2014 e, a fine scadenza, il suo avvocato aveva presentato ricorso alla Corte d’appello. La Corte respinse la sua nuova richiesta con la sentenza №142 / 2015 pubbl. il 29.06.2015 (RG n.322 / 2014). Dal 2015 lo status legale di Kelly è “sotto considerazione della Corte”. In attesa e fino a quando la Corte non prenderà una decisione, Kelly non potrà presentare nuove domande in nessun’altra Questura in tutta Italia. Sino a quando la richiesta di riconoscimento dello status di rifugiato è negata dalla Commissione Territoriale per i Rifugiati e Richiedenti Asilo e i documenti del richiedente sono sotto esame presso della Corte, la Questura non è autorizzata a elaborare ulteriori documenti.

Da settembre 2017, Kelly ha un secondo avvocato di Comiso, al quale aveva illustrato la situazione con la Corte d’appello. Nonostante gli argomenti, l’avvocato ha presentato una nuova richiesta alla Questura con la sede a Ragusa e al Tribunale Amministrativo Regionale.

L’impulso per l’ultima richiesta è arrivato dalla sorella di Kelly, che lui ha rintracciato a Milano. Dato che nessuno dei genitori dalla Nigeria si tiene in contatto con lui, poiché sono spaventati dal governo e dalla perdita del lavoro, sua sorella è l’unica persona che supporta Kelly. L’ultima richiesta è stata presentata il 20 marzo 2018 a Ragusa e dice: “Il sottoscritto Osawe Kelly, nato il 10 ottobre 1986 a Ovya (Delta State), cittadino della Nigeria, entrato nel territorio nazionale in data 01 novembre 2012 attraverso la frontiera marittima di Lampedusa, con la presente Reitera alla S.V.il riconoscimento della Protezione Internazionale, ai sensi della convenzione di Ginevra dal 28 luglio 1951, essendo nel proprio paese di origine perseguitato/a  per ragioni politiche”.

La presente Convenzione di Ginevra riguarda lo status dei rifugiati.

Per quanto riguarda la legge italiana, Decreto Legislativo 19 novembre 2007 n. 251 (recepimento della Direttiva 2004/83 / CE), l’Ufficio del Commissario per i Rifugiati, come previsto dalla legge, può raccomandare due tipi di protezione internazionale:
(a) Status di rifugiato;
(b) Stato della protezione sussidiaria.

Lo status di rifugiato è ripreso dalla Convenzione di Ginevra del 1951 e dal suo Protocollo del 1967 relativo allo status dei rifugiati. (Art. 8, comma 3 – DLgs n.251/2007). La Convenzione di Ginevra del 1951 ha costituito la definizione legale di rifugiato. Secondo l’articolo (A) (2) della Convenzione, il rifugiato è una persona che “a causa di un fondato timore di essere perseguitato per motivi di razza, religione, nazionalità, appartenenza a un particolare gruppo sociale o opinione politica, è al di fuori del paese della sua nazionalità (…)“.

Kelly ha richiesto lo status di protezione internazionale per “ragioni di opinione politica“. Con riferimento al paragrafo 32 dell’UNHCR e alla legge italiana Art. 8, comma 1, lettera e) – DLgs n.251/2007 la base per le “ragioni di opinione politica” significa: “lui o lei ha un fondato timore di essere perseguitato per detenere alcune opinioni politiche (di solito diverse da quelle di il governo o parti della società), o perché la detenzione di tali pareri è stata attribuita a lui o lei“.

Tramite una fonte attendibile di informazioni, all’interno della Questura a Ragusa, è stato verificato che entrambe le richieste fatte da Kelly attraverso i suoi avvocati erano identiche. In entrambe le richieste, Kelly, perseguitato dal governo nigeriano per l’omosessualità, ha fatto richiesta per lo status di “rifugiato per ragioni politiche”.

Secondo il Manuale UNHCR paragrafo 29-30 e la legge italiana Art. 8 DLgs n.251/2007, nell’ambito del particolare gruppo sociale sono considerate persone “che condividono una caratteristica comune diversa dal loro rischio di essere perseguitate, o che sono percepite come un gruppo dalla società. La caratteristica sarà spesso una che è innata, immutabile, o che è altrimenti fondamentale per l’identità, la coscienza o l’esercizio dei propri diritti umani. Allo stesso modo, questa definizione comprenderebbe omosessuali, transessuali o travestiti”.

Un’altra opportunità di ricevere una protezione internazionale è quella di richiedere lo status di protezione sussidiaria. Riguardo alla Direttiva UE 2011/95 / UE 1 Capitolo 2 Articolo e alla Legge italiana art. 14 DLgs. N. 251/2007 persona soggetta a protezione sussidiaria implica “un cittadino di un paese terzo (…) se rinviato al suo paese di origine, (…) correrebbe il rischio reale di subire un danno grave (…) Articolo 15 (b) definisce i danni gravi come: tortura, trattamento inumano o degradante o punizione di un richiedente nel paese di origine“.

Da quando Kelly ha lasciato il suo paese di origine, la situazione per le unioni omosessuali non è cambiata molto, tanto da rendere impossibile il ritorno a casa di Kelly. Un recente rapporto pubblicato dalla Human Rights Watch Organization (Organizzazione dei Diritti Umani) “Nigeria. Anti- LGBT Law Threatens Basic Rights” conferma questo. Il rapporto afferma che nel 2014 l’ex presidente della Nigeria, Goodluck Jonathan, aveva firmato la legge sulla proibizione del matrimonio omosessuale. Questa legge proibisce ogni copia di fatto tra i partner omosessuali e proibisce qualsiasi tipo di “pubblico spettacolo di relazioni amorose dello stesso sesso“. Altrimenti, la persona può essere mandata in prigione da 10 a 14 anni.

Nella provincia di Ragusa quasi vicino a ogni supermercato c’è uno straniero dall’Africa che chiede l’elemosina. Tutti loro hanno un diverso background, storie e status legale di essere in Europa. Ma “essere in Europa” non significa “vivere in Europa“, godendo di tutti i diritti come cittadino.

Dal 2014 Kelly risiede senza documenti e nessun riconoscimento di uno status giuridico. Il modo in cui vive non è accettato da nessuna organizzazione per i diritti umani. Nonostante la sua miserabile esistenza, lui sorride tutto il tempo, durante l’intervista, e spera finalmente di ricevere la sua Carta d’identità. Lui era solito combattere per i suoi diritti per essere riconosciuto e accettato in Nigeria, e continua a lottare per gli stessi diritti in Italia. Osawe Kelly è un uomo con un carattere forte, con il desiderio di sopravvivere e un sogno fragile, di suonare musica di nuovo.

Nel 2012 un caso analogo si è presentato a Trieste, in Italia. Un omosessuale senegalese si è visto rifiutato per la prima volta lo status di rifugiato dall’ufficio del “Commissario per i Rifugiati e Richiedenti Asilo” e successivamente, dopo una lunga riflessione, anche da parte del Tribunale Amministrativo Regionale. Dopo lunghe formalità, la Corte di Cassazione (sentenza № 15981 del 20 settembre 2012) ha approvato il suo ricorso. Secondo la sentenza, la persecuzione da parte del governo e della polizia può essere dimostrata una semplice valutazione delle situazioni. La gravità della situazione per gli omosessuali nel loro paese d’origine, può essere confermata con i rapporti delle organizzazioni non governative e dei media.

(inchiesta di Tatiana Smorodina)


ENGLISH VERSION

To be in Europe is not the same as to live in it. Kelly, who is lost in Sicily

A story of the Nigerian guy without the Identity Card, but with his Self Identity

(written by Tatiana Smorodina)

Saturday morning. Many families go to the supermarket to shop for the next week. In Santa Croce Camerina, a small town in the province of Ragusa, there are three supermarkets. One of them is Conad, a working area for a 32-year old Nigerian man. Today is a common working day for him, as all others, when he starts his morning in Ragusa (20 km from Santa Croce), takes a bus and without eating puff pastry crispy croissants starts his working hours.  He does not have neither a coffee break, nor a lunch. His time-table includes 5 hours standing on his feet, from 9 am until 14 pm.

Kelly’s work differs from all others, because there is no fixed salary, payment guarantee, contract, security and further career opportunities. He stands in the corner of the supermarket, begging for money to keep afloat on the steep waves of his life. It wasn’t his choice unless it became the lifeline, the one solution to survive in Italy. He earns around 15 euro daily. A part of money he saves to pay the apartment, 350 euro monthly, the rest uses for food.

Kelly does not have any documents. He used to work as a bricklayer in the past, before mooring to the gold sand Sicilian coasts. There is no preference for Kelly in which sector to work. He was growing up in the atmosphere, where he was taught to work. ” If you are a healthy man, with legs and arms, you should work. But now I can’t!”,- says Kelly.

There are also other foreigners, whose outlook contradicts with Kelly’s attitude to work. Precias begging every day near the supermarket Eurospin in Scicli. Many of his housemates, immigrants from Nigeria, Senegal, Mali who share the house with him in Cava d’Aliga (Scicli area), are employed within the agricultural sector. But Precias rejects any attempt to help him with a job.

Various immigrants‘ stories refer to different time period. Kelly’s story begins in 2011, when he left Nigeria, his country of origin, and landed in Libya without any documents. He escaped from Nigeria because he was followed by the Government and police. Kelly wasn’t a serial killer, he did not steal, neither money from the bank nor any precious property from the house of a politician. He is homosexual and was pursued by the police for his sodomy relations, to be sent into the jail.

“(…) I am homosexual. It was not easy to admit it, because my first sexual relations in Nigeria were very difficult and combated, and homosexuality was never tolerated in my country. In Nigeria I had relations with friends of the same age and with a big man, who hosted me for several months (…)”,- writes  Kelly at the Police Office.

The situation and attitude to homosexual people in Nigeria, when Kelly left, describes non-governmental organization the Human Rights Watch in its report:“This alien legacy: The origins of “Sodomy”, Laws in British Colonialism”. According to this report, around 80 countries in the world criminalize sodomy relations “These laws invade privacy and create inequality. They promote violence and give it impunity. They hand police and others the power to arrest, blackmail, and abuse. They drive people underground to live in invisibility and fear. The African countries have these laws, since once they were British colonies.” Nigeria is one of them.

Being wanted by the police in the native Nigeria, Kelly absconded to Libya, which proposed him a stable future with different opportunities, but the war in Libya broke out.  Kelly could not stay any longer neither in Nigeria, nor in Libya, and he set off- road to the island of Lampedusa. Since this moment, Kelly has been living in Italy.

In Italy, the request for the International Protection can be made directly at the Office of the Border Police “Ufficio della polizia di frontiera” as soon as a foreigner arrives in Italy or in the The Central Immigration Office at the Police Headquarters, “Ufficio immigrazione della Questura”  Then, it provides the request to the Office of the Refugee Commissioner,“Commissione Rifugiati e Richiedenti Asilo”. In Sicily it is located in Siracusa, and is the only competent body to make a decision on a foreigner’s further status in Italy. In 2012 Kelly made his first request for the International protection through The Central Immigration Office at the Police Headquarters. In October 2013 he received a refuse from the Office of the Refugee Commissioner. When The Office of the Refugee Commissioner sends a refuse, the foreigner must leave the host country and return to his country. With the assistance of the lawyer, Kelly received a limited permit of stay for a period of 6 months in 2014, and at the end of the expired day, his lawyer brought an appeal in the Appeal Court. Kelly received a new refuse in 2015, with the sentence №142/2015 pubbl. in 29.06.2015 RG n.322/2014. Almost since 2015 the legal status of Kelly is under the consideration of the Court. Unless and until the Court takes a decision, it’s not possible for Kelly to apply within the Central Immigration Office at the Police Headquarters in the whole Italy. If the application for the refugee status is once denied by the Office of the Refugee Commissioner and the documents of the applicant are under consideration of the Court, the Central Immigration Office at the Police Headquarters is not allowed to process documents.

Since September 2017, Kelly has the second lawyer from Comiso, whom he explained the situation to the Court. Despite the arguments, the lawyer made a new request to the Central Immigration Office at the Police Headquarters in Ragusa and a new request in the Regional Administrative Court.

The impulse for the last request became Kelly’s sister, whom he found in Milan. Since none of the parents in the Nigeria keep in touch with him, inasmuch as scaring the Government and job loss, his sister is the only person, who supports Kelly.

The last request was made on 20 March 2018 in Ragusa and says: “I am, the undersigned below Osawe Kelly, born on 10 October 1986 in Ovya (Delta State), citizen of Nigeria, arrived in the national territory on date 01 November 2012 across the sea border of Lampedusa, confirm this to Your Honor and ask for the International Protection, with the reference to the Geneva Convention from 28 July 1951, by being persecuted for political reasons in my native country.”

This Geneva Convention relates to the Status of Refugees.

Regarding the Italian Law, Decreto Legislativo 19 novembre 2007 n. 251 (recepimento della Direttiva 2004/83/CE),The Office of the Refugee Commissioner as stipulated by law, may recommend two types of the international protection:

  • Refugee Status;
  • Subsidiary Protection Status.

Refugee Status is retrieved from the 1951 Geneva Convention and its 1967 Protocol relating to the Status of Refugees. (Italian law Art. 8, comma 3 – DLgs n.251/2007)

The 1951 Geneva Convention has constituted the legal definition of a refugee. According to Article (A)(2) of the Convention refugee is a person “owing to a well-founded fear of being persecuted for reasons of race, religion, nationality, membership of a particular social group or political opinion, is outside the country of his nationality (…)”.

Kelly applied for the International protection status for “political opinion reasons”. With reference to the UNHCR Handbook paragraph 32 and the Italian law Art. 8, comma 1, lettera e) – DLgs n.251/2007 the ground for the “political opinion reasons” means: “he or she has a well-founded fear of being persecuted for holding certain political opinions (usually different from those of the Government or parts of the society), or because the holding of such opinions has been attributed to him or her”.

From the reliable source of information within the Central Immigration Office at the Police Headquarters was discovered that both requests Kelly made through his lawyers were same. In both requests Kelly, persecuted by the Nigerian Government for the homosexuality, made the application for the status of refugee for the political reasons.

According to UNHCR Handbook paragraph 29-30 and the Italian law Art. 8 DLgs n.251/2007, under the particular social group are considered persons “who share a common characteristic other than their risk of being persecuted, or who are perceived as a group by society. The characteristic will often be one which is innate, unchangeable, or which is otherwise fundamental to identity, conscience or the exercise of one’s human rights. Equally, this definition would encompass homosexuals, transsexuals, or transvestites”.

Another opportunity to receive an International Protection is to apply for the Subsidiary protection status. Regarding EU Directive 2011/95/EU 1 Chapter 2 Article and the Italian Law Art. 14 DLgs. N. 251/2007 person is liable for subsidiary protection implies “a third country national (…) if returned to his or her country of origin, (…) would face a real risk of suffering serious harm (…) Article 15 (b) defines serious harm as: torture, inhuman or degrading treatment or punishment of an applicant in the country of origin.”

Since Kelly left his native country, the situation with the sodomy unions has not been changed a lot, to make possible for Kelly return home. More recently published report by the Human Rights Watch Organization” Nigeria. Anti- LGBT Law Threatens Basic Rights” affirms it.  The report says that in 2014 the Nigeria’s former president, Goodluck Jonathan, signed the Same-Sex Marriage Prohibition Act into law. This law prohibits any common-law marriage between sodomy partners and forbids any kind of “public show of same- sex amorous relationship”. Otherwise, a person can be sent to jail for 10 to 14 years.

In the Province of Ragusa almost near every supermarket there is a foreigner from Africa, begging for money. All of them have different background, stories and legal status of being in Europe. But “being in Europe” does not mean the same as “living in Europe”, enjoying all the rights as a citizen.

Since 2014 Kelly has resided without documents and any legal status recognition. The way he lives is not accepted by any human rights organization. Despite his miserable existence, he smiles all the time, during the interview, and hopes finally to receive his Identity Card. He used to fight for his rights of being recognized and accepted in Nigeria, and he continues to fight for the same rights in Italy. Osawe Kelly is a man with a strong character, with the wish to survive and a fragile dream to play music again.

In 2012 a similar case study took place in Trieste, Italy. A homosexual Senegalese guy was first refused in the refugee status by the Office of the Refugee Commissioner and then, after long consideration by the Administrative Regional Court for the second time. After long formalities, the Court of Cassation (sentence № 15981 from 20 September 2012) approved a claim. According to the decision, the persecution by the Government and Police can prove a simple situation forecasting. The gravity of the situation with homosexual people in their native country can confirm the reports of non-governmental organizations and media.

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.