2184x268micieli
Il Delfino
onoranzescillieri
attualmobili1350

Ragusa, aggredisce poliziotti nel suo appartamento: arrestato un nigeriano

L'intervento degli agenti dopo urla e trambusto: l'uomo rischia revoca del soggiorno

0 389

E’ stato tratto in arresto per oltraggio, resistenza, violenza e lesioni personali a pubblico ufficiale un cittadino nigeriano con regolare permesso di soggiorno per motivi umanitari che, la notte scorsa, in preda ai fumi dell’alcol, ha colpito ripetutamente gli agenti in servizio di Volante accorsi in un‘abitazione del centro.

In piena notte è arrivata la chiamata al 113 che segnalava delle urla, probabilmente d’aiuto, provenienti da un’abitazione del centro storico superiore di Ragusa. Gli agenti in servizio di Volante sono piombati all’indirizzo indicato. Giunti sul posto hanno cercato un modo per accedere all’abitazione da cui effettivamente provenivano urla e trambusto. Con l’aiuto di altri condomini i poliziotti hanno avuto accesso all’interno della casa.

Appena entrati uno dei presenti, cittadino di origini nigeriane, ha iniziato ad inveire contro gli agenti scagliandosi improvvisamente contro di loro con pugni e calci, fino a provocargli lesioni personali con prognosi di 5 giorni. Il poliziotto, nonostante le lesioni riportate al torace è riuscito a bloccare l’uomo, esagitato anche per l’abuso di sostanze alcoliche, e ad assicuralo all’interno dell’autovettura di servizio.

Anche negli Uffici della Questura l’extracomunitario ha continuato a mantenere un atteggiamento ostile verso gli agenti che con molta fatica sono riusciti a gestirlo senza ulteriori danni. Dopo gli accertamenti di rito finalizzati alla sua completa identificazione Godwin Odoruyi, cittadino nigeriano classe ’75, è stato dichiarato in arresto e messo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. L’Ufficio Immigrazione ha avviato la procedura di valutazione in merito alla revoca del permesso di soggiorno. In data odierna il GIP del Tribunale di Ragusa ha convalidato l’arresto.

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.