biancadinavarra
2184x268micieli
onoranzescillieri
attualmobili1350

“Mi sono presa le zecche nella spiaggia di P.Secca”: la denuncia di una pediatra

Via vai di cani in spiaggia a pochi passi dalla casa di Montalbano

0 10.534
La spiaggia di Punta Secca

In realtà non si potrebbe, ma qualcuno lo fa. E insolentisce pure. Quando una signora, una pediatria fra l’altro, gli ha fatto notare come fosse anti-igienico lavare il proprio cane sotto la stessa doccia usata dagli “umani”, il proprietario (nella foto) si è quasi arrabbiato: “Lei è razzista coi cani”. Ha girato i tacchi ed è andato via. E’ successo qualche giorno fa a Punta Secca, a pochissimi metri dalla casa di Montalbano. Ci troviamo in un piccolo tratto di via Paolo VI, quello chiuso al traffico, che dà accesso alla spiaggia. In quel punto doccia e passerella non accolgono solo uomini, donne e bambini. Ma anche i nostri amici a quattro zampe. “Decine di cani vengono portati lì al mattino – denuncia Alessandra Nicolini, che di mestiere fa la pediatra all’ospedale Maria Paternò Arezzo di Ragusa -. Quel signore mi ha anche insultata. Nel mondo c’è tanta solitudine e per molti i cani sono più importanti delle persone”. Il problema, tornando all’attualità, è un altro: “Cercavo di fare pulizia col rastrello, laddove non arrivano i mezzi del Comune. E mi si sono attaccate le zecche sulla pancia. Non è un modo di dire, è successo davvero”. Il problema potrebbe riproporsi in qualsiasi momento.

Il cartello dei divieti

Qui la battaglia non è contro i cani, ma contro i proprietari distratti. L’obiettivo è privilegiare l’igiene e la salute, soprattutto dei più piccoli. All’ingresso del tratto di spiaggia in questione – fra l’altro – capeggia un cartello, dove il Comune di Santa Croce spiega che è vietato “condurre e far permanere qualsiasi animale anche se munito di regolare museruola o/e guinzaglio. Sono esclusi dal divieto i cani guida per non vedenti e, previa autorizzazione del Comune, i cani da salvataggio al guinzaglio”. Le sanzioni previste vanno da 225 a 250 euro. Qualcuno capirà?

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.