Consiglio rinviato, l’opposizione ne ha per tutti: “Da maggioranza solo scena muta”

Attacchi a sindaco, Giavatto e presidente del Consiglio

546

Riceviamo e pubblichiamo una nota del gruppo Liberi di Scegliere dopo il Consiglio comunale di ieri sera, che è stato aggiornato a oggi (ore 19) in seguito a sospensione per mancanza di numero legale. Il contenuto integrale del comunicato:

“L’Amministrazione non riesce neanche a garantire il numero legale per degli argomenti dal Sindaco stesso considerati non urgenti. Perché tanta fretta allora? Un Regolamento sul Comitato per i Gemellaggi (S.Croce ne ha proprio bisogno) concepito più per dare visibilità a qualche altro “sponsor” che per risolvere i problemi del paese. Regolamento che chi l’ha firmato, il Vicesindaco, si rifiuta di spiegare al Consiglio comunale. Regolamento zoppo, con evidenti discrasie e che il Sindaco stesso ammette, dopo i nostri rilievi,debba essere sistemato ma che intanto “va comunque approvato” (eppure caro Sindaco,quando era il tuo predecessore a dirlo, eri il primo a indignarti).

Concludiamo col Presidente del Consiglio comunale, il cui ruolo dovrebbe iniziare e finire in aula consiliare, ma che per la grazia di questi consiglieri di maggioranza (sempre proni e silenti ai diktat di scuderia), ha “ampliato” le prerogative e attribuzioni istituzionali con fascia, presenzialismo e visibilità su ogni attività amministrativa, pur non assumendosene per legge alcuna responsabilità. Cari cittadini sappiate che quei Consiglieri di maggioranza che in campagna elettorale erano con voi così attivi e loquaci, in aula consiliare ora sanno solo fare scena muta anche davanti all’evidenza. Finisce così questo 2018, vuoto e imbarazzante come questa serra costata ai cittadini € 1500,00 “Aspettando il Natale” .

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.