Schizza la spesa pro-capite per il gioco d’azzardo: a Santa Croce +51% dal 2016

Sul secondo gradino del podio dietro Ragusa. Il fenomeno è preoccupante

704

Non è una statistica allettante, e neppure una grossa novità. Semmai il consolidarsi di un vizio che rischia provocare seri danni a famiglie e singoli individui: Santa Croce Camerina è la seconda città (in provincia di Ragusa) a bruciare più soldi nel gioco d’azzardo. Lo rivela una recente statistica pubblicata dal quindicinale Insieme, a cura del suo direttore Giampiero Saladino. Solo a Ragusa si fa peggio. Nel comune capoluogo si calcola che ogni cittadino spenda nel gioco d’azzardo 1.551 euro l’anno. Santa Croce è appena un gradino più in basso, con 1.352 euro pro-capite. Terza è Pozzallo con 1.189, chiude la classifica Chiaramonte con 617 euro. A Santa Croce, insomma, si investe nel gioco d’azzardo più del doppio rispetto al comune montano, che più o meno conta sulla stessa popolazione.

Ragusa è al posto numero 787 su 7954 comuni italiani nella classifica generale per giocate pro-capite e, considerando le città delle stesse dimensioni, è al posto numero 49 su 130, segno di una gravità del problema di cui pochi sembrano seriamente interessarsi. Inoltre, le giocate totali sono aumentate negli anni, e così anche il numero di apparecchi presenti nel comune. È interessante vedere anche a cosa si vince di più: a parte i 43,7 milioni riscossi dalle video-lottery e i 12,6 mln dalle slot machine, ci sono i 9,4 mln vinti al lotto, i 9,2 mln con le lotterie istantanee, i 6,2 mln al bingo, i 5 mln con le scommesse sportive, i 3,6 mln con le scommesse virtuali, e così via discendendo con il superenalotto, le scommesse ippiche, il winforlife, l’eurojackpot e i concorsi pronostici sport.

Oltre al fatto che la città di Ragusa si impoverisca di questo passo di 20 milioni l’anno (avendo una popolazione di 73mila unità) è utile capire come una parte residua dell’investimento del gioco torni indietro sotto forma di vincita: 90 milioni a fronte dei 114 giocati. Santa Croce Camerina brucia molto più della media nazionale (che è di 815 euro pro capite). Fino a due anni fa la spesa nel gioco d’azzardo, a livello comunale, era di 659 euro. In ventiquattro mesi è più che raddoppiata.

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.