Gli abusivi del mare: sequestrati mille ricci a P.Secca, 200 a P.Braccetto

Altri seicento sono stati sottratti a un sub nella zona di Randello

715

Sono stati sequestrati più di 800 ricci in provincia di Ragusa. In particolare i militari della capitaneria di porto di Pozzallo e del dipendente ufficio locale marittimo di Scoglitti hanno trovato circa 200 esemplari nascosti da ignoti negli anfratti della scogliera nella zona di Punta Braccetto nel comune di Santa Croce Camerina ed altri 600 catturati da un pescatore subacqueo sportivo nella zona di Randello, nel comune di Ragusa. Il sub è stato sorpreso con i ricci e sanzionato con un verbale amministrativo di 4.000 euro. Tutti i ricci sequestrati, sia quelli illecitamente raccolti dal pescatore sportivo, che quelli nascosti nella scogliera, sono stati poi rigettati immediatamente in mare in quanto ancora vivi. (Il Giornale di Sicilia)

Anche stamattina la guardia costiera, perlustrando la zona di mare in località Punta Secca a Santa Croce Camerina, hanno scoperto, a 80 metri di distanza dalla costa e subito prelevato da un fondale profondo circa 1,5 metri, tre sacchi contenenti, in totale, oltre 1.000 esemplari di ricci di mare (paracentrotus lividus), nascosti da ignoti.  Come nei giorni precedenti, tutti i ricci sequestrati sono stati poi recuperati, liberati e rigettati immediatamente in mare in quanto ancora vivi. L’ennesima operazione di vigilanza effettuata dal corpo lungo la costa, ha ulteriormente contribuito a prevenire ed arginare, prima della definitiva consumazione, il grave fenomeno del depauperamento della fauna ittica lungo il litorale ibleo, scongiurando, per tempo, l’attività di pesca illegale.

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.