Si scrive una pagina di storia: inaugurato il museo etnografico

C'erano l'assessore Sebastiano Tusa e il soprintendente di Ragusa, Calogero Rizzuto

612

E’ stato inaugurato ieri, alla presenza dell’assessore regionale Sebastiano Tusa, del presidente della Commissione Attività Produttive all’Ars, Orazio Ragusa, del soprintendente di Ragusa, Calogero Rizzuto e del sindaco Giovanni Barone, il nuovo museo etnografico e demologico di Santa Croce. Cha da oggi entra a pieno titolo fra i beni storici e culturali del territorio camarinense, laddove avrà il compito di fare sistema con le bellezze paesaggistiche più volte rivelate dalla tv e da Montalbano.

Alla cerimonia hanno partecipato anche l’ex sindaco Franca Iurato (leggi qui la sua intervista) e il presidente della Società di Storia Patria, Gaetano Cascone, che ha ripercorso le tappe che hanno portato alla data odierna e illustrato gli ambienti del museo, ospitato nei locali dell’ex Soat, presso la circonvallazione Costa degli Archi: “La demologia è lo studio delle tradizioni popolari – ha detto Cascone – In effetti nasce come museo etnografico e viene aperto l’11 aprile del 1997. Qui c’è anche il prof. Micciché, all’epoca assessore alla Cultura e mio vice-sindaco, che ha speso mesi della sua vita per lanciare l’idea a tutti i cittadini di Santa Croce: furono in 120, inizialmente, a donare pezzi del proprio patrimonio storico e familiare per questa causa”. La storia del museo civico si interruppe bruscamente per nove anni, durante i quali i locali rimasero in quiescenza. Ma ora è risorto, grazie al lavoro degli uffici, dei ragazzi del servizio civile, che ne hanno curato l’ultima fase dell’allestimento, e della stessa società di Storia Patria, vero custode del passato santacrocese: “Assieme all’Amministrazione, al di là dei colori politici, ho un interesse primario: che alle generazioni future venga trasmessa la nostra cultura popolare” ha ribadito Cascone. Il quale ha poi accompagnato Tusa, Ragusa e Rizzuto nella visita dei vari ambienti, tutti disposti al pian terreno.

Quello più spazioso è la replica della “casa di abitazione”, dove si terranno incontri e convegni (“Anche per le scolaresche” precisa il sindaco). Poi una serie di botteghe: quella del carratore e del falegname con tutti gli utensili da lavoro, quella del sellaio, del bottaio e del maestro dei crivelli. Nell’altro ambiente, oltre il corridoio, è stata ricostruita una stalla, “a casa a’ mannara”, dove si faceva un tempo la ricotta; l’ultima stanza è quella dei “mestieri puliti”, i lavori più raffinati. Cascone cita utensili e benefattori, che conosce a menadito. La Iurato ne approfitta per ringraziare il sindaco, che ha portato un progetto in cui lei, per prima, è tornata a credere fortemente. Il museo c’è. L’auspicio è che diventi un centro culturale: pieno di reperti, ma che ha voglia e sete di conoscenza.

FOTOGALLERY A CURA DI LINO SCILLIERI

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.