Ars, bocciate parità di genere e incompatibilità consigliere-assessore. Assenza: “Assurdo”

Il Movimento 5 Stelle affossa con il voto segreto un articolo della legge

109

“Oggi in Aula è stata recitata una pièce del teatro dell’assurdo, senza offesa per Ionesco!” è indignato Giorgio Assenza per la bocciatura in Sala D’Ercole della norma che prevedeva, accanto all’aumento della parità di genere nelle giunte comunali, l’incompatibilità fra la carica di assessore comunale e quella di consigliere.

La bocciatura, causata dall’approvazione dell’emendamento soppressivo presentato dai grillini, ha fatto sbottare anche in Aula il presidente del collegio dei Questori: “Non c’è niente di più illogico e moralmente illegittimo del controllore che controlla se stesso…” portando l’esempio più eclatante del “…l’assessore comunale al Bilancio che, nella sua seconda identità di consigliere, finisce per giudicare e votare il proprio stesso piano economico. Bene, invece, la nuova distribuzione degli assessori all’interno delle giunte per rendere più agibile l’amministrazione delle città”.

“Rimane però l’amaro della doppia bocciatura – conclude Assenza, il quale nella sua Comiso ha sponsorizzato, fra l’altro, l’eletto sindaco donna e almeno una donna assessore – è stata una pessima rappresentazione teatrale-politica. Che Ionesco e Osborne ci perdonino!”

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.