Jet Tours, in 96 superano il banco di prova dell’animazione a Ragusa

Il corso del Mediterraneo Palace ha dato alla luce uno spettacolo italiano: "La dolce vita"

175

Si è concluso lo scorso 29 marzo, a Ragusa, con grande soddisfazione da parte dell’organizzatore Marco Costanzo, il primo corso di formazione per animatori turistici promosso da Jet Tours, il tour operator francese legato al colosso Thomas Cook. Il seminario si è svolto all’hotel Mediterraneo Palace, partner dell’iniziativa. Il progetto-pilota, che aveva l’obiettivo di affinare gli strumenti a disposizione degli animatori turistici per affrontare la stagione nelle strutture alberghiere di tutta Europa, rappresenta l’avamposto di un’idea più ampia: la creazione di una scuola permanente che consenta di sviluppare la cultura di una professione spesso snobbata, almeno in Italia: “Dei 108 partecipanti iniziali – spiega Marco Costanzo – 96 sono stati selezionati e il 50% di essi è già partito per la stagione. Gli altri raggiungeranno la loro meta entro il 20 aprile. Alla luce del nostro impegno e della promozione su tutti i canali, compresi quelli dell’informazione, due società italiane ci hanno contattato per avviare una collaborazione. Contestualmente, ci hanno richiesto venti figure altamente specializzate. Questo è il sintomo che nel settore dell’animazione turistica c’è una forte richiesta: non di ragazzi qualunque, ma che abbiano ricevuto una formazione adeguata, che possiedano i requisiti necessari su cui continuare a lavorare e investire per dare un servizio di qualità. Perché animatori non ci si improvvisa”.

Al seminario di Ragusa, durato quasi due settimane, hanno partecipato ragazzi e ragazze provenienti da diversi paesi europei. Coordinati da tre coreografe (del Marocco, dell’Algeria e della Francia), gli animatori hanno ricostruito una serie di spettacoli a tema che verranno riproposti nelle loro destinazioni estive. E hanno anche prodotto uno spettacolo italiano, intitolato “La dolce vita”. Jet Tours e Marco Costanzo, in attesa di mettere a punto una nuova edizione del corso di formazione, che crei un solido legame con le bellezze del Ragusano, sempre più investite dal fenomeno del turismo, ricordano che sono tre i requisiti basilari per intraprendere la carriera di animatore: conoscenza della lingua francese, disponibilità a trasferimenti anche all’estero, buona volontà. Chi è interessato e fosse in possesso dei requisiti, può inviare la propria candidatura a: [email protected]

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.