“Scrivere, dire, interpretare”: a Ragusa corso di scrittura con Fava

Dal 24 al 26 maggio alla biblioteca diocesana Monsignor Pennisi: come partecipare

205

“Scrivere, dire, interpretare”, il laboratorio di scrittura creativa e drammaturgica di Claudio Fava arriva a Ragusa grazie all’organizzazione di Studio 44. L’agenzia di organizzazione eventi di Anna Balistrieri, dopo le masterclass di comunicazione del 2018, continua a promuovere appuntamenti formativo-culturali stimolanti e di sicuro interesse. Il laboratorio di scrittura di e con Claudio Fava è previsto dal 24 al 26 maggio presso la Sala Fondo Antico della Biblioteca Diocesana Mons. F. Pennisi di via Roma 109. Una tre giorni intensiva dedicata alla scrittura creativa e drammaturgica. Il laboratorio avrà una durata complessiva di 18 ore (dalle 11 alle 13 e dalle 14 alle 18). Claudio Fava, giornalista, scrittore prolifico e sceneggiatore per il teatro, il cinema e la televisione (David di Donatello e Nastro d’argento nel 2001 per la sceneggiatura de “I cento passi”) condurrà la “classe ragusana”, composta da un numero massimo di 20 corsisti, in un percorso teorico e pratico sullo scrivere e del mettere in scena gli elaborati concepiti. Al termine del laboratorio verrà rilasciato un attestato di partecipazione.

La scrittura come scelta
– Il linguaggio: la costruzione di un proprio “stile”; la lingua della vita e quella della finzione; le ellissi, i tagli interni, le pause.
– I dettagli: la scelta delle parole; la scrittura come disobbedienza; l’esercizio dello sguardo.
– Il ritmo: la costruzione del periodo; la “sonorità” del linguaggio; la punteggiatura pausativa.

La scrittura come invenzione
– La trama: la struttura del racconto; la parzialità delle “scalette”; la scelta del punto di vista; il racconto dell’altro da sé; narrazione oggettiva e soggettiva; la narrazione multistrand.
– Il viaggio: l’incipit; i turning points; l’epilogo.
– I personaggi: la descrizione; la costruzione; il mutamento; le relazioni.
– I dialoghi: muovere l’azione; la scelta e l’efficacia del linguaggio; il dialogo come conflitto.

La scrittura come gesto
– La drammaturgia teatrale: le forme del linguaggio; il dialogo dentro la scena;
– Il rapporto fra scrittura e interpretazione: l’uso della pausa; il rapporto con il pubblico, scrittura, lettura, regia.

Per ulteriori informazioni è possibile contattare Studio 44 ai numeri: 3334557118 oppure 3394814895. Le adesioni chiuderanno al raggiungimento del numero massimo di 20 iscritti e comunque non oltre il 12 maggio 2019.

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.