Se questo è differenziare: “Coi rifiuti per strada i costi alle stelle”

L'inciviltà è dura a morire: "Pigrizia e ignoranza non sono più tollerabili"

599

L’abbandono dei rifiuti è un fenomeno in crescita a Santa Croce Camerina. Le cattive abitudini, senza i dovuti controlli, sono difficili da estirpare. “Si tratta di rifiuti che potrebbero essere differenziati e che invece vengono abbandonati in modo maldestro – dice Rosuccia Agnello, coordinatrice locale di Fare Ambiente – Appartengono alle tipologie di plastica, carta, umido, vetro, lattine. Per il loro conferimento e smaltimento, l’Amministrazione comunale ha costi aggiuntivi rispetto a quanto già pagato con la Tariffa di Igiene Ambientale”. “Il loro abbandono lungo le strade non è giustificabile da un tentativo illecito di risparmiare tempo – dice Salvatore Mandarà, responsabile provinciale di Fare Ambiente – ma è dovuto solo alla pigrizia o all’ignoranza di nostri concittadini e/o alla loro disinformazione”.

Troppo pochi sono coloro che leggono con attenzione le informazioni contenute nell’eco-calendario distribuito a tutte le famiglie o nelle centinaia di manifesti multilingue che l’associazione di volontariato ambientale ha affisso in quei luoghi particolarmente avvezzi al degrado. Affinché il nostro paese possa mantenere uno stato quantomeno decoroso, non basta l’attento controllo volontaristico. Ma per ripulire e risanare le aree pubbliche occorrono interventi dai costi elevati ,che vanno a gravare su tutti i cittadini in quanto, per norma nazionale, tali costi rientrano obbligatoriamente nella tariffa dei rifiuti. È necessario un controllo del territorio atto a scovare gli ecovandali o presunti furbi, che ad oggi sono solo riusciti a danneggiare l’immagine di una città volta al turismo e a far scendere le percentuali di raccolta dal 59 al 53%

Adesso spetta al Sindaco Giovanni Barone, che ha la delega all’ambiente, combattere questo fenomeno poco decoroso per Santa Croce e per niente rispettoso del senso civico di tanti cittadini che pretendono l’igiene, la pulizia e la salvaguardia degli ambienti, patrimonio di tutti.

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche
1 Commento
  1. giuseppe mainenti dice

    quell’angolo oggetto del commento per la differenziata,è eternamente sempre pieno(via S.Giacomo difronte a casa Cabibbo), basterebbe maggiore controllo oppure montare una telecamera; non penso che una persona viene da lontano a portare l’immondizia. Ci vorrebbe pure un controllo continuo per le vie cittadine, dove si vede immondizia nei giorni di non ritiro della specie,i sacchi appesi dai balconi che penzolano per diversi giorni con il pericolo che qualche passante vada a sbatterci.etcetc

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.