Panarello a processo per le calunnie al suocero. E chiede dell’altro figlio

"Voglio avere notizie e foto del mio bambino: è dallo scorso agosto che non ne ricevo"

886

Veronica Panarello sarà processata per calunnia nei confronti del suocero Andrea Stival, che la donna aveva accusato di avere ucciso il figlio Loris di 8 anni, il 29 novembre 2014 a Santa Croce Camerina, per impedirgli di rivelare una loro presunta relazione. L’uomo era stato indagato, come atto dovuto, ma la sua posizione è stata successivamente archiviata. Il rinvio a giudizio per calunnia della donna, condannata a 30 anni di reclusione per il delitto anche in secondo grado, è stato disposto dal Gip di Ragusa Ivano Infarinato che ha fissato la prima udienza per il 26 novembre davanti al Tribunale monocratico. Andrea Stival si è costituito parte civile con l’avvocato Francesco Biazzo. Veronica Panarello era in aula assistita dall’avvocato Pia Gardinelli dello studio di Francesco Villardita, penalista che sta curando il ricorso in Cassazione contro la condanna della Corte d’assise d’appello di Catania. La sentenza della Suprema Corte è attesa per il prossimo 21 novembre. Lei continua a dirsi innocente.

“Voglio avere notizie e foto del mio bambino: è dallo scorso agosto che non ne ricevo più. E’ mio figlio e mi manca da morire”. Così Veronica Panarello, sul suo secondogenito, al suo legale in aula, l’avvocato Pia Giardinelli dello studio Villardita, durante una pausa dell’udienza preliminare a Ragusa in cui è stata rinviata a giudizio per calunnia nei confronti del suocero Andrea Stival. L’avvocato Villardita l’ha vista lunedì nel carcere di Catania, dove è attualmente reclusa in attesa di essere ritrasferita a Torino, e l’ha trovata “determinata nel difendere se stessa”, sempre “più forte nel dirsi innocente” e che “pensa continuamente a Loris e a suo fratello più piccolo”. Su quest’ultimo, afferma Veronica Panarello, non ha “più alcuna notizia dallo scorso mese di agosto” nonostante quanto disposto dai giudici in fase di separazione con il marito. Secondo la donna, notizie e foto le sono inviate, ma senza la frequenza prevista durante l’udienza di separazione. (ANSA)

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.