Rinviate le elezioni delle ex province, Assenza: “Doppia rapina ai cittadini”

317

“Visto che, in tema di legge elettorale, è stato già usato il termine Porcellum, mi passate la definizione boiata?” praticamente, così definisce Giorgio Assenza l’approvazione dell’emendamento che rinvia al 30 aprile 2020 le elezioni di secondo livello. “E – rincara la dose, il presidente dei Questori in Ars – vi spiego perché si è trattato di un doppio attacco alla democrazia: innanzitutto perché si aggiunge al peccato originale della mancanza del suffragio universale questa odierna proroga di un intero anno del commissariamento dei liberi consorzi mentre perpetua l’esagerato potere decisionale dei supersindaci delle città metropolitane poiché privi di controllo; in secundis perché in Aula il provvedimento è arrivato in maniera farraginosa (addirittura, per lunghi minuti non abbiamo nemmeno saputo chi lo avesse presentato), perché è stato messo nel corpo di un ddl con il quale non aveva nulla a che fare, quello per la nautica da diporto, infine perché è stato portato al voto segreto, già di per sé pratica non trasparente, ed è passato dunque con l’evidente voto favorevole anche del Pd nonché con l’astensione benevola dei 5Stelle. Se non è consociativismo questo…!”.

“Con altri mezzi, sicuramente più democratici e trasparenti – conclude Assenza – cercheremo di porre rimedio a questa… discrasia, a questo vulnus del libero arbitrio della politica che colpisce innanzitutto i cittadini, dei liberi consorzi come delle città metropolitane”.

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.