La “cattiva” che picchiava i bambini: incastrata dalle telecamere VIDEO

Stava per recarsi a scuola ma è stata bloccata dai carabinieri. La donna ha 56 anni

1.228

Si stava preparando per andare a scuola come ogni mattina la maestra che oggi, di buonora, ha aperto ai Carabinieri della Stazione di Ragusa Ibla. La sua espressione tra l’incredulo ed il sospetto non lasciava trapelare alcuna preoccupazione fino a quando non le è stata notificata l’ordinanza di custodia cautelare che il GIP del Tribunale di Ragusa nella giornata di ieri ha spiccato nei suoi confronti. Le viene contestato il reato di maltrattamenti aggravati perché commessi nei confronti di minori all’interno di un istituto scolastico, ancor più gravi, se si può dare una misura ai fatti, poiché i bambini dell’asilo nido in cui la maestra presta servizio hanno al massimo 3 anni. Precise le contestazioni del GIP che fa riferimento a sette episodi, i più gravi, tra quelli videoripresi ed intercettati, nel mese di maggio scorso, all’interno dell’asilo dai Carabinieri della Stazione di Ragusa Ibla.

La maestra che strattona questo o quell’altro bambino, che li blocca per imboccarli e che tira loro degli schiaffi per far sì che obbediscano ai suoi comandi, ovviamente “gridati”. li episodi riguardano in particolare tre bambini, ma ad assistere ai maltrattamenti erano tutti i piccoli frequentatori che restavano basiti ed attoniti per le grida della maestra e gli schiaffoni agli altri. L’attività di indagine è partita dalla denuncia della madre di una bambina che vedeva la figlia avere dei comportamenti strani ed affermare che la maestra fosse “cattiva”. I militari, raccolta la richiesta della giovane madre di fare chiarezza su quanto stesse accadendo tra le mura dell’asilo, per non inficiare l’attività di ricerca delle prove, hanno agito con molta discrezione e riservatezza iniziando immediatamente l’attività tecnica che ha consentito di raccogliere gravi indizi di colpevolezza nei confronti della maestra. La donna, 56enne, ragusana è incensurata ed è stata sottoposta agli arresti domiciliari. GUARDA IL VIDEO SOTTO

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.