La seconda è quella buona: Consiglio approva le osservazioni al Prg

Ieri la sospensione e il richiamo di Mandarà agli assenti: "Devono comunicarlo"

1.165

Durante l’aggiornamento della seduta del Consiglio comunale sospeso ieri per la mancanza del numero legale, sono state approvate le osservazioni al Prg, che permettono all’iter di andare avanti. Sei i voti favorevoli (quelli della maggioranza). Non erano in aula i cinque consiglieri d’opposizione.

LA CRONACA DEL CONSIGLIO

Ore 19:00 – Il presidente del Consiglio comunale Piero Mandarà apre la seduta rivolgendo le più sentite condoglianze al consigliere Giavatto per la tragica scomparsa della sua amica e collaboratrice Architetta Carmela Maggiore, che ha anche lavorato e insegnato a Santa Croce Camerina e ha collaborato alla realizzazione del progetto delle 10 aule.

Ore 19:05 – Il presidente mette ai voti le richieste e le segnalazioni (in tutto 41) presentate dai privati a seguito dei vari incontri pubblici organizzati sullo schema di massima del P.R.G. e alla relativa pubblicazione sul sito web degli atti inerenti. L’esito della votazione è 6 voti favorevoli , quelli dei presenti in aula (Mandarà, Galuppi, Giavatto, Candiano, Santodonato,Gravina, assente per la maggioranza solo Cappello) mentre risultano assenti alla seduta i Consiglieri  di minoranza Agnello, Gambino, Zago, Zisa e Schembari. E’ stata votata anche l’immediata esecutività. Adesso il progettista del P.R.G. includerà tutte le richieste, con i relativi pareri favorevoli, nello strumento urbanistico che sarà sottoposto successivamente all’approvazione del Consiglio comunale.

Ore 19:15 – La seduta viene dichiarata conclusa dal presidente del Consiglio comunale.

LA SOSPENSIONE DI MARTEDI’

Non è bastato il richiamo del presidente Mandarà contro gli assenti ingiustificati (“Per rispetto nei confronti dei colleghi e di chi ci ha eletto, l’assenza andrebbe comunicata in anticipo, così come i ritardi”) a indirizzare il Consiglio comunale di ieri sera, che, alla presenza dell’ingegnere Franco Poidomani, avrebbe dovuto analizzare e votare le proposte dei privati da inserire nello schema di massima del Piano Regolatore Generale, su cui si lavora da mesi. Ma in aula non c’erano i numeri: mancavano due consiglieri di maggioranza (Candiano e Giavatto) e, a turno, tre dell’opposizione (prima erano presenti Agnello e Zisa, dopo la prima sospensione Agnello e Gambino). L’opposizione, che avrebbe voluto apportare le modifiche dopo la redazione del Prg e non in questa fase (considerandola una forzatura politica), ha fatto mancare il numero legale e costretto a un aggiornamento dei lavori per questa sera alle 19. La maggioranza, invece, nel solco della “democrazia partecipata” e dei numerosi incontri consumati in inverno con privati, ordini professionali e associazioni di categoria, avrebbe voluto completare l’iter già ieri sera. Da parte del presidente del Consiglio, inoltre, è arrivato un monito alle istituzioni “affinché ci aiutino a risolvere la problematica dei rifiuti, che rischia di generare un’emergenza igienico-sanitaria nel nostro Comune”.

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.