Vittoria – Rubò 60 euro e il bancomat dal portafogli di un’anziana: arrestato 57enne

526

La Polizia di Stato ha eseguito un’ordinanza applicativa di misura cautelare, emessa dal Tribunale di Ragusa – Ufficio del G.I.P., su richiesta della Procura della Repubblica di Ragusa, nei confronti di un soggetto gravemente indiziato di aver rubato un portafoglio contenente, oltre che soldi contanti, anche una carta bancomat, successivamente usata per sottrarre ulteriore denaro.

Le indagini erano state avviate lo scorso mese di aprile, quando una signora aveva denunciato, presso il locale Commissariato di P.S., che dopo avere momentaneamente posteggiato la propria autovettura sulla pubblica via per sbrigare delle commissioni, lasciando la borsa all’interno dell’auto, rientrata in macchina si era accorta che dalla borsa era stato asportato il portafoglio contenente la somma contante di 60,00 euro ed una carta bancomat. Sempre in sede di denuncia, la malcapitata aggiungeva inoltre di essersi accorda che dal proprio conto corrente era stata sottratta la somma di 700,00 euro.

Venivano quindi avviate le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Ragusa, che grazie anche all’analisi delle immagini registrate dalle telecamere di videosorveglianza installate sia nei pressi del luogo in cui era stata parcheggiata l’autovettura, sia presso lo sportello bancomat dal quale era stato effettuato l’illecito prelievo, consentivano di risalire all’odierno indagato, cinquantasettenne vittoriese, già noto alle forze dell’ordine per i suoi numerosi precedenti. Ritenuti sussistenti i gravi indizi di colpevolezza, in data 16 ottobre 2019, il Tribunale di Ragusa – Ufficio del G.I.P. applicava la misura cautelare degli arresti domiciliari, che veniva tempestivamente eseguita dagli agenti del Commissariato di P.S. di Vittoria.

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.