Caltanissetta – La terza edizione del premio letterario “Formebrevi” a Danilo Cannizzaro

“L’at­toni­to Ottavio” si è imposto per la qual­ità let­ter­aria e la ricer­ca lin­guis­ti­ca.

234

La Giuria del Pre­mio Let­ter­ario Forme­bre­vi ha selezion­a­to l’opera vincitrice del­la terza edi­zione: “L’at­toni­to Ottavio”, di Dani­lo Can­niz­zaro, per la qual­ità let­ter­aria e la ricer­ca lin­guis­ti­ca. Una scrit­tura vision­ar­ia e mul­ti­forme che riesce a cogliere, con lucidis­si­mo sguar­do, le trame nascoste e spes­so indi­ci­bili del­l’an­i­mo umano. Il Pre­mio Let­ter­ario Forme­bre­vi rap­p­re­sen­ta un momen­to di grande impor­tan­za nel proces­so di pro­mozione delle scrit­ture di ricer­ca avvi­a­to da diver­si anni dal­l’As­so­ci­azione Forme­bre­vi. L’opera vincitrice del­la terza edi­zione e le moti­vazioni del­la giuria saran­no pre­sen­tate nel cor­so del­la cer­i­mo­nia di pre­mi­azione che si ter­rà a Cal­tanis­set­ta nel mese di gen­naio 2020. L’organizzazione e la giuria del Pre­mio Let­ter­ario ringraziano tut­ti i parte­ci­pan­ti inter­venu­ti.

Sinos­si del­l’­opera:
“L’at­toni­to Ottavio” è una sil­loge ele­gia­ca di rif­les­sioni, fat­ti, ritrat­ti, sen­ti­men­ti riguardan­ti una Sicil­ia del­l’an­i­ma. Sicil­ia per­son­ale, inti­ma e col­let­ti­va nel­lo stes­so tem­po, visu­al­iz­za­ta attra­ver­so la defor­mazione grottesca che coglie, e resti­tu­isce al let­tore una vision­ar­ia fisiono­mia baroc­ca.
Ne ven­gono fuori quin­di acquarel­li che riv­e­lano mirag­gi scher­zosi sof­fusi di iron­i­ca mal­in­co­nia, schizzi fret­tolosi e più com­piu­ti stu­di degli enig­mi del­la con­dizione umana vista tra com­pos­ite rap­p­re­sen­tazioni oscil­lan­ti dal comi­co al fan­tas­ti­co, dal­lo stori­co e filosofi­co all’apol­o­go, dal­l’in­vet­ti­va becera alla parte­ci­pa­ta tes­ti­mo­ni­an­za d’u­na età e d’u­na cul­tura non anco­ra del tut­to defunte, così come la memo­ria vor­rebbe preser­var­le dal­la vorac­ità del divenire.

L’au­tore:
Dani­lo Can­niz­zaro, vive e lavo­ra in Sicil­ia. Pre­mi­a­to e seg­nala­to in numerosi con­cor­si let­ter­ari, ha pub­bli­ca­to le seguen­ti opere: “Una al giorno” (Beta, 1989), “I fan­tas­mi dei sog­ni inter­rot­ti” (Mon­tag, 2016), “Carminei­de” (Lau­ra Capone, 2017), “Paton­sei­de” (Il leg­gio – Libre­ria Editrice, 2018)

Note:

[…] pri­ma di ogni altra cosa la dirompente espres­siv­ità lin­guis­ti­ca: costruzioni sin­tat­tiche ardite, parole del­la tradizione, arcais­mi incon­sueti, neol­o­gis­mi affol­lano le pagine tenute in bil­i­co tra i due estre­mi del­la lin­gua iper­col­ta del­la voce nar­rante e quel­la iper­popo­lare […] per gener­are sicuri effet­ti comi­ci […] La lin­gua di Can­niz­zaro non serve a rac­con­tare, ma a illu­minare le cose, a trasfig­u­rar­le, a cor­romper­le, a goderne, o a sof­frirne. (Loredana Salis)

[…] Una promes­sa per l’editoria. (Sil­vana Per­ot­ti)

[…] una capac­ità davvero non comune. (Oliviero La Stel­la)

[…] In realtà è uno scrit­tore arguto e pro­fon­do (agget­tivi che ben di rado pos­sono coni­u­gar­si sen­za par­lare a spropos­i­to), un artista eclet­ti­co capace di pas­sare dal­la poe­sia alla farsa, facen­do tap­pa qua e là, su roman­ti­co, intimisti­co e dram­mati­co. Insom­ma, è uno di quel­li che san­no sus­citare emozioni. (Patrizio Pacioni).

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.