Ragusa – Servizio antidroga: un arresto, una denuncia e tre segnalazioni al prefetto

483

Incessante l’attività di prevenzione e contrasto allo spaccio di stupefacenti svolta dalla Compagnia Carabinieri di Ragusa ed in particolare dal Nucleo Operativo e Radiomobile in questi ultimi giorni. Controlli a tappeto sono stati effettuati nei luoghi di aggregazione dei giovanissimi e nelle piazze della giurisdizione per contrastare il dilagante fenomeno dello spaccio e del consumo di droghe tra giovanissimi. Nella rete dei militari 5 giovani tra cui un minorenne.

Il tutto è iniziato dal controllo di alcuni ragazzi ragusani trovati in possesso, in circostanze e luoghi diversi, di modici quantitativi di stupefacente: un 19enne in possesso di una dose di hashish, un 18enne di 3 grammi di marijuana ed un 17enne di una dose di marijuana. Tutti sono stati segnalati amministrativamente all’autorità prefettizia. Al 19enne che era alla guida di uno scooter è stata anche immediatamente ritirata la patente come previsto dalla legge.

In un’altra occasione i militari hanno fermato un’auto e si sono accorti del nervosismo mostrato dal passeggero. A seguito di un controllo approfondito ed una perquisizione personale il 20enne ragusano, già noto alle forze di polizia, è stato trovato in possesso di 11 grammi di marijuana suddivisa in dosi e sicuramente destinata allo spaccio. L’uomo è stato quindi denunciato per detenzione ai fini di spaccio di stupefacente.

Il bottino più grande è stato infine quello trovato ad un vittoriese, 29enne con precedenti di polizia, fermato alla guida della sua auto e trovato in possesso di 105 grammi di marijuana di altissima qualità, come è stato certificato dalle analisi qualitative effettuate dall’ASP di Ragusa. Il 29enne è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio dello stupefacente e posto ai domiciliari, nella giornata di ieri, a seguito di udienza di convalida, l’uomo è stato sottoposto alla misura dell’obbligo di dimora nel Comune di Vittoria. Tutto lo stupefacente è stato sequestrato amministrativamente o penalmente come previsto dalle diverse procedure.

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.