Vittoria – Accoltella compagno della ex fidanzata: arrestato un 23enne

544

Nella serata di lunedì 10 febbraio, i Carabinieri della Compagnia di Vittoria, a conclusione di un’accurata e immediata attività d’indagine, hanno arrestato con l’accusa di tentato omicidio aggravato Gessaro Biagio, 23enne comisano. In particolare, nel pomeriggio di quella giornata, il citato Gessaro si era recato a bordo di un furgone presso il parco Ippari di Comiso per incontrare il nuovo fidanzato 26enne della sua ex compagna per parlare della relazione sentimentale intrapresa dai due. Alla vista del 26enne, il Gessaro lo ha prima travolto con il veicolo e, mentre la vittima era ancora dolorante, successivamente lo colpiva ripetutamente con un coltello in varie parti del corpo. L’aggressore, dopo essersi disfatto dell’arma bianca, scappava dal luogo del delitto facendo perdere le proprie tracce, mentre il malcapitato 26enne ferito, è stato trasportato – a bordo di un’auto di una sua amica presente durante l’evento criminoso – presso l’ospedale di Vittoria ove è stato ricoverato in prognosi riservata ma non in pericolo di vita.

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile hanno svolto tutti gli accertamenti utili all’esatta ricostruzione della dinamica dell’evento delittuoso: dopo aver escusso i testimoni e analizzato le immagini riprese dal sistema di videosorveglianza esistente nel parco Ippari, i militari della Compagnia di Vittoria si sono messi immediatamente alla ricerca dell’autore del reato culminata con la perquisizione domiciliare presso l’abitazione di un amico dove il giovane Gessaro aveva trovato rifugio. La perquisizione ha consentito di ritrovare l’abbigliamento intriso di sangue indossato dal Gessaro per commettere il delitto e fermare, dopo un breve inseguimento, la persona indiziata del grave reato. Considerati i gravi indizi di colpevolezza raccolti dagli investigatori dell’Arma, il Gessaro è stato arrestato con l’accusa di tentato omicidio aggravato e ristretto presso la casa Circondariale di Ragusa su disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Nel corso dell’interrogatorio di garanzia in presenza dell’avvocato, il Gessaro ha ammesso le proprie colpe, confermando le accuse addebitategli. Nella giornata del 13.2 il G.I.P. di Ragusa, concordando con le risultanze investigative dei Carabinieri, ha confermato la misura cautelare in carcere.

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.