Azzerare le indennità di sindaco e giunta: “Diamo ristoro al commercio”

Altra mozione dopo quella sull'imposta di soggiorno. Risparmio da 85mila euro l'anno

891

Non solo l’abolizione dell’imposta di soggiorno per il 2020. I consiglieri comunali Piero Mandarà, Antonella Galuppi, Giovanni Giavatto e Salvatore Cappello hanno fatto protocollare nella giornata di oggi una seconda mozione per azzerare le indennità di sindaco, assessori e presidente del Consiglio comunale, oltre ai gettoni di presenza dei consiglieri, per i prossimi due anni. La proposta, che verrà discussa al primo Consiglio comunale utile (ma non se ne potranno convocare fino al 3 aprile in seguito al dpcm del 10 marzo), potrebbe far risparmiare all’ente 85 mila euro l’anno, che verrebbero dirottati a favore della “costituzione di un fondo speciale” utile a garantire risorse finanziarie per “fronteggiare l’emergenza coronavirus. Tutto questo, con l’erogazione di un bonus/contributo aggiuntivo per famiglie colpite”, ma anche per garantire “uno sgravio di tasse e tributi per tutti i soggetti del settore turistico/ricettivo e pubblici esercizi e del commercio”. I risparmi garantiti da questa manovra contribuirebbero, secondo i firmatari, a dare “un immediato impulso al rilancio economico e turistico del territorio, previa condivisione dei progetti e delle iniziative con lo stesso Consiglio Comunale”.

Mozione Indennità (LEGGI IL TESTO COMPLETO cliccando qui)

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.