Mercati in crisi, ortofrutta allo sbaraglio: prezzi crollati in 5 giorni

Più che dimezzato il valore di melanzane e zucchine. Robusti si rivolge alle istituzioni

2.932

In un momento storico di grossa emergenza sanitaria, un’altra situazione delicata rischia di sfuggire al controllo: è quella legata all’agricoltura. Fino a qualche giorno fa, tutto funzionava discretamente bene. Con un’elevata richiesta da parte dei supermercati, il prezzo dell’ortofrutta ha retto (con buoni picchi). Da lunedì 16 marzo, invece, i mercati all’ingrosso della fascia trasformata, sono totalmente crollati. Se venerdì 13 il prezzo medio della melanzana tonda era di € 1.33 per kg, oggi, una settimana dopo, si attesta sui trentanove centesimi al chilo. La zucchina è passata da € 1.10 a € 0.47. I prezzi alla vendita sono praticamente più bassi del prezzo di produzione: da qui si genera un’isteria complessiva, in cui i commercianti non riescono più a capire quale quantità acquistare e quanta richiesta ha la filiera dei supermercati.

Per questo l’ex assessore all’Agricoltura, Adolfo Robusti, ha rivolto un appello alle istituzioni, nella persona dell’assessore regionale Edgardo Bandiera e il Ministro alle Politiche agricole, Teresa Bellanova: “Urge un provvedimento, magari da inserire nel decreto Cura Italia, che preveda un rincaro agroalimentare controllato da parte dello Stato, consentendo così ai produttori di poter continuare a produrre”. Gli ha fatto eco Salvatore Di Marco, un produttore agricolo di Santa Croce: “Urge un decreto per calmierare i prezzi al dettaglio onde evitare speculazioni da parte di “sciacalli”. Questo, ahi noi, non è il momento del libero mercato. Spero che questo messaggio possa arrivare a chi può intervenire dall’alto”. I numeri sono importanti: la nostra fascia trasformata, da sola, garantisce il 25% del fabbisogno agroalimentare nazionale. Robusti si rivolge anche agli italiani: “In questo momento storico, per certi versi tragico, guardate le etichette: compriamo italiano e salviamo insieme la nostra nazione”.

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.