Vittoria, è morto Giovanni Guarascio. Si era dato fuoco per “salvare” la sua casa

879

Non ce l’ha fatta Giovanni Guarascio, il muratore vittoriese di 64 anni che una settimana fa si era dato fuoco per impedire lo sfratto della sua casa di via Brescia, a Vittoria. L’uomo, che era ricoverato da martedì scorso all’ospedale “Cannizzaro” di Catania per le gravissime ustioni, è morto la notte scorsa per un arresto cardiaco. A seguito dell’insano gesto, aveva riportato ustioni di primo e secondo grado su tutto il corpo. Rimangono ricoverati la moglie di Guarascio, Giorgia Famà, e l’agente di Polizia Antonio Terranova che era intervenuto sul posto, martedì scorso, insieme ad un collega. Come si ricorderà, poco dopo le 13 di martedì scorso l’uomo, in preda ad un raptus, si era versato della benzina addosso e si era dato fuoco mentre erano in corso le trattative con i legali per lo sgombero della casa messa all’asta.

Fonte: Telenova

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche
Caricamento...