Non rispettano le misure del contratto: rispediti al mittente gli alberi pronti alla piantumazione

768

Nell’annosa questione che riguarda la piantumazione di nuove essenze arboree in piazza Vittorio Emanuele succede anche questo. Che, quando è tutto pronto per il restyling, ci si accorge di aver scambiato fischi per fiaschi e si blocca tutto. I temibili “schinus terebinthifolius”, trascinati sul lastricato della piazza giovedì mattina e pronti all'”insediamento” non erano delle misure pattuite nel contratto fra il Comune di Santa Croce e la ditta che si è aggiudicata la gara d’appalto (Azienda Laura Ryolo). “Abbiamo controllato le dimensioni – spiega l’assessore all’Urbanistica, Dino Aprile – ma quella del tronco e l’altezza non corrispondono con quelle messe nero su bianco nel contratto. Così abbiamo rimandato le piante all’impresa, con l’invito a rispettare quanto stabilito nell’accordo”. Un accordo, per l’appunto, che ha scontentato numerosi cittadini riunitisi nel comitato “No schinus terebinthifolius”. Il rinvio sembra quasi un segno del destino: “Bisogna riflettere molto attentamente su cosa comporta, di questi tempi, spendere ventimila euro per qualche albero – spiega Vitaliano Pollari di Sel in un’intervista a ‘La Sicilia’ -. Mi sembra un paradosso spendere tanti soldi per piantare alberi, che potrebbero non durare, nella stagione calda”. (foto di Gianni Giacchi)

Redazione

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche
Caricamento...