Il sindaco Iurato “perdona” Pluchino: “Ha chiarito il senso di quel “furfanti”, non lo querelo”

780

“Ho preso atto della risposta dell’ex assessore Pluchino alla mia lettera del 30/09/13 con la quale mi chiarisce che non era sua intenzione accostare la mia figura all’espressione “furfante”, improvvidamente utilizzata nel contesto di una critica alla mia attività amministrativa pubblicata su Santa Croce Web e Ragusa Oggi del 20 settembre. Per queste ragioni ho sospeso ogni iniziativa giudiziaria nei confronti dell’autore della nota pubblicata, invitando al contempo, lo stesso ad astenersi dall’uso di espressioni diffamatorie ed ingiuriose nell’ambito del legittimo esercizio del diritto di critica politica, che per quanto involontario provocano una infondata, illegittima ed inaccettabile lesione dell’immagine e dell’onore delle persone che si occupano della cosa pubblica. Peraltro il richiamo a ricondurre l’attività politico-amministrativa del nostro paese nell’alveo di una corretta civile dialettica sarà di giovamento soprattutto  alla soluzione dei problemi”. Con questa nota il sindaco Franca Iurato chiude la querelle con l’ex assessore Pluchino, che all’interno di una nota in cui evidenziava come la mancata medicalizzazione dell’ambulanza del 118 fosse un’occasione persa per la città, aveva tirato in ballo una nota di 12 anni fa indirizzata dal Cdu all’ex sindaco Cascone e titolata “Fra inetti e furfanti”.

Redazione

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche
Caricamento...