Cascone restituisce 400 euro e riprende lo sciopero della fame al Comune: “Dormirò in tenda” VIDEO

1.177

Riprende lo sciopero della fame Massimo Cascone – uno dei disoccupati che qualche giorno fa aveva, assieme ad altri, presidiato l’anticamera della segreteria del sindaco – dopo aver saputo che il contributo (400 euro) elargito dal comune non bastava neanche per pagare una parte delle bollette arretrate. Stamane, dopo essere andato in banca a riscuotere la somma, si è recato al Municipio per restituire i soldi appena riscossi e ha ripreso la lotta per fare valere le sue ragioni. Nel pomeriggio, dopo la chiusura degli uffici comunali alle 14, è stato accompagnato dalle forze dell’ordine fuori, dove ha ripreso la sua protesta civile. “Non ho niente da perdere – ha dichiarato ai nostri microfoni -, ricomincio lo sciopero della fame davanti al comune e stasera dormirò in una tenda. Ho chiesto che mi venga aperta almeno la porta principale per poter andare in bagno, ma anche questo mi è stato rifiutato. Vuol dire che farò come tanti altri: soddisferò i miei bisogni dentro una pianta. Spero anche che la mia protesta venga ascoltata da tutti: stampa, opinione pubblica e cittadini, senza nessuna strumentalizzazione. Sono stato abbandonato da tutti e dico che non ho niente da perdere perché ho già perso tutto, anche la dignità”. Seguite lo sfogo attraverso due interviste realizzate su richiesta dell’interessato.

Redazione

CLICCA SOTTO PER VEDERE LE INTERVISTE A MASSIMO CASCONE

[youtube]eRW4tQdajPw[/youtube]

[youtube]g_2_NsT3ctM[/youtube]

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche
Caricamento...