Il sindaco Iurato sulla Tares: “Per chi risiede sempre nelle case al mare, valuteremo adeguamenti”

841

“Se qualcuno dimostra, con consumi dell’Enel e dell’acqua, che nelle case di villeggiatura ci risiede sempre, quindi le usa come residenza abituale, prenderemo in considerazione queste domande per rivedere la tariffa della Tares”. Parola del sindaco di Santa Croce Camerina, Franca lurato che espone il proprio punto di vista dopo le diverse lamentele dei villeggianti che, non senza sorprese a causa degli importi, nei giorni scorsi si sono visti recapitare i bollettini di pagamento del saldo 2013. “Il 2013 è stato davvero un annus horribilis – dice il primo cittadino – nel quale i comuni si sono trasformati in una sorta di esattori. Per quanto riguarda la Tares, in particolare, soffre il cambiamento con la Tarsu, mentre l’anno scorso c’è stato un aumento enorme del servizio di raccolta dei rifiuti anche perché si è dovuti andare a conferire a Motta Sant’Anastasia. Oggi la Tares impone la copertura al 100% del servizio. I quattro componenti messi d’ufficio per il calcolo della quota variabile? In effetti l’importo cambia poco, ma se qualcuno comunica ufficialmente quante persone ci abitano, cercheremo di prendere in considerazione le varie istanze. L’invito è quello di ridurre i costi e rispettare l’ambiente; in questo senso, subito dopo marzo, avvieremo una campagna di sensibilizzazione e educazione ambientale”.

Fonte: La Sicilia

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche
Caricamento...