Punta Secca, è sparita la statua del commissario Montalbano: è tornata nell’officina del suo artigiano

1.248

L’episodio ‘Alla ricerca della statua perduta’ della serie televisiva ‘Il commissario Montalbano’, in diretta da Punta Secca, vede ancora una volta coinvolto Zingaretti nelle accurate indagini in corso per un caso che ci lascia senza parole, immobili come una statua. Da qualche giorno, è sparita proprio quella statua che lo raffigura, realizzata interamente in ferro battuto e donata dal fabbro Nino Barone, un artigiano locale, che a luglio era stata posta nel parcheggio di ingresso della frazione balneare di Punta Secca. Tra polemiche ed acclami era diventata simbolo immancabile per la pratica, oggi diffusa, dei selfie dei numerosi e curiosi turisti che si recano quotidianamente “in pellegrinaggio” proprio alla casa del commissario che si affaccia sulla spiaggia di Marinella. Saggio ed esperto Montalbano, immaginiamo si stia muovendo tra le indagini che appaiono decisamente complicate e top secret, coadiuvato senza dubbio, come sempre, da Fazio, il suo agente esperto e fidato. Catarella, il solito confusionario, non risponde al centralino del commissariato di Vigata, alle innumerevoli richieste dei residenti del borgo marinaro che si interrogano senza sosta sulle sorti della statua. Il signor Cascone, preoccupato e premuroso, offre una testimonianza spontanea per la risoluzione del caso e ha informato gli inquirenti che già martedì mattina alle 6,30 al buon commissario avevano rubato il pezzo forte: gli occhiali da sole… Alla redazione del nostro giornale giungono, contemporaneamente, numerose richieste affinché la statua, tra l’ altro da poco autografata, ritorni presto al suo posto a fare gli onori di casa e confidando nell’abilità investigativa del commissario più famoso d’ Italia speriamo di conoscere nel più breve tempo possibile, ulteriori precisi particolari della vicenda per la risoluzione immediata del caso.

UPDATE: LA STATUA E’ TORNATA NELL’OFFICINA DEL SUO ARTIGIANO
Il giallo della statua è quasi risolto. E’ stato l’artigiano Nino Barone, artefice della stessa, a confermare in una intervista a ‘La Sicilia’, come il suo Montalbano sia tornato a casa: “Da qualche giorno la statua era oggetto di particolari “attenzioni” da parte dei vandali. Per due volte sono spariti gli occhiali da sole che inforcava, così ho deciso di riportarla in officina. Pensavo meritasse più attenzione e rispetto”. Ma la coda della questione è polemica: “L’Ufficio tecnico del Comune mi ha appena detto che la mia statua poteva sostare a Punta Secca fino al 31 agosto, cosa di cui prima non ero a conoscenza. E inoltre mi ha pregato di ritirare le altre opere che ho donato alla città”.

Giusy Zisa

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche
Caricamento...