Casuzze, Portelli replica a Carnazzo: “La farmacia? Deve rivolgersi al sindaco”

687

Il richiamo alla responsabilità dei consiglieri comunali d’opposizione sul tema della chiusura del dispensario farmaceutico di Casuzze, sollevato dal dottor Maurizio Carnazzo attraverso un intervento su Facebook, ha provocato la reazione del presidente del Consiglio Carmelo Portelli. Intervistato da Santa Croce Web, Portelli ha fatto il punto su una vicenda che si trascina da mesi. Tutto è iniziato ad agosto, quando l’opposizione presentò un’interrogazione in Consiglio comunale per capire i motivi che portarono alla mancata apertura della farmacia durante il periodo estivo: “Un cartello posto di fronte al dispensario di Casuzze – esordisce Portelli – recitava la scritta: “Chiuso per burocrazia”. Dato che in Consiglio la vicenda non era mai stata affrontata, il gruppo di opposizione ha chiesto di sapere, con quella interrogazione, il perché della chiusura. E ha spinto affinché, data l’importanza del servizio stesso, si facesse il possibile per ripristinarlo. Detto questo – aggiunge Portelli, anche a nome del suo gruppo – non capisco perché il dottor Carnazzo si ostina a personalizzare una vicenda che non ha nulla di personale. Non abbiamo mai avuto nulla da eccepire sul fatto che sia stato lui a gestire il dispensario, la cosa proprio non ci riguarda. E, a differenza di quello che dice o può pensare Carnazzo, non abbiamo preso alcuna cantonata: a noi interessa soltanto che il servizio venga ripristinato”.

Alla prima seduta utile del Consiglio comunale, l’assessore Corallo si fece portavoce del sindaco e rispose all’interrogazione. A distanza di tempo, però, nulla si è mosso. Carnazzo parla oggi di “silenzio imbarazzante”: “Apprezzo il riconoscimento del dottor Carnazzo nell’investirci di questa problematica, di riconoscerci l’abilità di poterla risolvere. Ma noi – sentenzia Portelli – abbiamo già fatto quello che era nelle nostre competenze, non abbiamo la carica istituzionale per andare oltre. Adesso dovrebbe rivolgersi al sindaco, che rappresenta l’organo di governo, nonché il nostro primo interlocutore. E’ tramite il sindaco che si interpellano gli organi superiori, preposti a risolvere la vicenda. Dato che il dottor Carnazzo dice di puntare sulla ricandidatura del sindaco Iurato, mi farebbe piacere che puntasse sul sindaco Iurato anche per farle svolgere il suo lavoro. L’unica cosa che per noi conta veramente è che le borgate a mare siano servite da un presidio farmaceutico”.

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche
Caricamento...